Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Covid a Ponza, il Sindaco replica a D’Amico: “La Asl ha accolto la mia richiesta. Tutti vaccinati prima dell’estate”

Il Sindaco: "L’obiettivo è l'immunità di gregge e una Ponza Covid free da offrire ai turisti"

Ponza – Il sindaco di Ponza, Franco Ferraiuolo, ha voluto chiarire quella che è, secondo lui, la reale situazione Covid sull’isola, tema su cui era intervenuto, anche con una lettera al Prefetto, il dirigente locale di Fdi, Danilo D’Amico.

“Non risponderò – spiega il Sindaco – alle dichiarazioni di D’Amico, per l’evidente carattere strumentale delle stesse. Invece, mi preme chiarire quella che è la realtà dei fatti qui a Ponza.

In primis, sottolineo che rientriamo ancora in zona gialla e che, per questo motivo, sottostiamo ancora a tutte le restrizioni a cui sono sottoposti i comuni limitrofi.”

Non solo.  Il Sindaco ricorda che, secondo il decreto legge 19/2020, all’art 3, “i sindaci non possono adottare, a pena d’inefficacia, ordinanze contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l’emergenza in contrasto con le misure statali. Misure statali che, a Ponza, sono perfettamente osservate.”

Nonostante questo, però, il Primo cittadino rassicura gli isolani, spiegando che, “data la serietà della situazione, sono in costante contatto con il responsabile di medicina pubblica locale, con il dipartimento di prevenzione dell’asl nonché con l’assessore alla sanità del Comune di Ponza, peraltro valente e stimato medico.

Monitoro continuamente l’evolversi dei casi e sono e sarà sempre pronto ad intervenire per qualsiasi provvedimento possa occorrere, oltre a quello che già facciamo con i nostri servizi sociali (con la collaborazione dei volontari della protezione civile), aiutando le persone anziane, con problemi di deambulazione e le persone affette da malattie croniche invalidanti o immunodepresse (servizio recapito della spesa, medicinali, disbrigo delle pratiche amministrative, supporto telefonico da parte dell’assistente sociale e della psicologa ai soggetti in condizione di stress emotivo e di isolamento, erogazione buoni per la spesa o acquisto dei farmaci alle persone bisognose,  ecc.).”

Il Sindaco: “Ecco il nostro piano di vaccinazione per l’isola”

Infine, il Sindaco ha deciso di intervenire su quanto dichiarato da D’Amico in merito al piano di vaccinazione degli isolani e sulle paure in merito all’imminente avvio della bella stagione.

“Innanzitutto – spiega il Sindaco – mi preme ringraziare la Guardia di Finanza, per aver messo a disposizione uomini e mezzi per consentire che l’operazione vaccinazioni potesse egregiamente decollare.”

E ancora: “Con la stessa motovedetta della Finanza – spiega Ferraiuolo -, in occasione dell’inizio della vaccinazione degli over ottanta, delle persone con gravi patologie, delle Forze dell’ordine, dei volontari della Protezione civile e degli insegnanti, sono venuti a Ponza i vertici dell’Asl di Latina.

Al momento, i vaccinati sono stati circa duecento. A seguire saranno vaccinati i nati negli anni “42 e “43 e così a seguire. Non solo. Vorrei anche chiarire che tutti saranno vaccinati nell’isola.

Come amministrazione, infatti, – spiega Ferraiuolo – abbiamo ringraziato il Direttore Sanitario facente funzioni, il dottor Visconti, nonché al Responsabile del piano vaccinale, il dottor Bevilacqua, per aver accolto la nostra richiesta di vaccinare in loco i cittadini ponzesi.

È seguita, da parte mia, anche la richiesta di vaccinare l’intera popolazione in un’unica soluzione prima dell’avvento della stagione turistica. L’obiettivo, ovviamente, è quello di raggiungere la cosiddetta immunità di gregge, tale da offrire ai turisti una situazione “Covid free” a tutela della salute di tutti.

La mia proposta – conclude Ferraiuolo – è stata accolta dai vertici dell’Asl, che hanno auspicato di avere presto a disposizione il numero di vaccini sufficiente per realizzare quanto richiesto.”

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ponza