Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Atletica, Paolo Dal Molin: “La mia ripartenza dal bronzo europeo”

Un solo centesimo dal primato stagionale per l’atleta delle Fiamme Oro. Terza medaglia per l’Italia a Torun

Più informazioni su

Torun – Ancora una medaglia per l’Italia agli Europei indoor di Torun, in Polonia. È il bronzo di Paolo Dal Molin nei 60 ostacoli, di nuovo sul podio dopo l’argento di otto anni fa.

L’azzurro si esprime al massimo in finale: con 7.56 arriva a un solo centesimo dal primato stagionale, a cinque dal suo record italiano. Trova un’ottima partenza come di consueto il 33enne delle Fiamme Oro, quindi colpisce la seconda barriera ma riesce a mantenere un’azione efficace. Nella fase centrale della gara viene affiancato e superato da due imprendibili avversari: il francese Wilhem Belocian, all’oro in 7.42 (quarto europeo di sempre), e l’iridato britannico Andy Pozzi, sconfitto con 7.43. Poi è netto il terzo posto di Dal Molin, che si butta bene sul traguardo, con quattro centesimi di vantaggio sullo spagnolo Asier Martinez (7.60).

L’altro azzurro, il debuttante Franck Brice Koua, chiude ottavo in 7.76 a poche ore dal 7.70 con cui ha realizzato la migliore prestazione italiana under 23 in semifinale. Gara di altissimo livello, neanche a dirlo: meglio dei primi due, quest’anno, ha fatto soltanto lo statunitense Grant Holloway con il record mondiale di 7.29.

Sì, finalmente sono tornato. Oggi possiamo dirlo”, le parole di Paolo Dal Molin, con la bandiera tricolore sulle spalle e una medaglia di bronzo da tenere stretta. “Ho aspettato tanto questo momento ed è una ripartenza. È stata una gara solida, non mi sembra di aver fatto errori grossolani, soltanto mi sono un po’ addormentato dopo il primo ostacolo. Mi capita troppo spesso, purtroppo. Ma veder rientrare Andy Pozzi mi ha riacceso e da lì ho capito che dovevo dar tutto. Come sono tornato? Finché non tiro fuori quello che valgo non mi tiro indietro, non mollo, a costo di patire le pene dell’inferno. È l’anno olimpico e uscire dalla stagione indoor in questa condizione, anche fisica, significa potermi esprimere all’aperto sui tempi che penso di valere”. (fidal.it)

(foto@Colombo/Fidal)

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

Più informazioni su