Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

8 marzo: così le istituzioni e le associazioni del litorale celebrano le donne foto

Una giornata dedicata alla riflessione sulla lotta delle donne per la parità di genere, che il litorale romano non perde occasioni di festeggiare

Roma – La giornata internazionale della donna ricorre ogni anno l’8 marzo ed è ormai entrata nella tradizione popolare con il “simbolo” della mimosa.

Una giornata dedicata alla commemorazione e alla riflessione sulla lotta alla parità di genere, dalle conquiste sociali a quelle economiche e politiche fino alle discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state oggetto in tutto il mondo.

Oggi le istituzioni e le associazioni del litorale romano non perdono l’occasione per ricordare l’importanza di ogni singola donna.

Fiumicino

“L’8 marzo è una giornata simbolica nella battaglia per la parità di genere e contro tutte le discriminazioni che le donne subiscono quotidianamente”. Lo dichiara il sindaco Esterino Montino.

“Se ancora ce ne fosse bisogno, la pandemia ha evidenziato e aggravato anche le disparità di genere che spesso sono strettamente collegate a quelle economiche – sottolinea il sindaco -. Non è un caso che, secondo i dati dell’Istat, dei 101 mila posti di lavoro persi a dicembre dello scorso anno, 99 mila erano ricoperti da donne: ben il 98%. E non è un caso neanche che dei 444 occupati in meno registrati in tutto il 2020 il 70% siano donne“.

“Ancora, non è un caso, ahimè, che nei posti apicali in politica come nelle aziende, siamo ancora molto lontani dalla parità tra uomini e donne – prosegue ancora Montino – e che le donne percepiscano stipendi inferiori agli uomini a parità di livello professionale”.

“E’ un quadro che deve allarmarci tutte e tutti – aggiunge -, tanto quanto quello sulla violenza di genere. E’ di tre giorni fa la notizia dell’ennesimo stupro subito da una ragazza di 22 anni mentre correva, in pieno giorno, in un parco di Roma”.

“Per ribadire l’impegno mio e della mia amministrazione nella battaglia per la parità di genere – conclude Montino – oggi ho deciso di inviare delle mimose ad alcune donne che, a vario titolo, rappresentano dei capisaldi in questa sfida. Tutte le dirigenti scolastiche degli istituti della città e, simbolicamente, alle docenti e alle donne del personale delle scuole. Perché la scuola è il luogo in cui si formano le nuove generazioni e che a guidarle siano donne è un fatto importantissimo. Alle dirigenti delle aree dell’amministrazione comunale, che sono tante quanti gli uomini, la cui professionalità è determinante per il funzionamento della nostra macchina comunale”.

“Alle assessore, alla presidente del Consiglio e alle consigliere comunali che sono l’esempio di come le donne in politica ricoprano in modo eccellente ruoli apicali. Ultima, ma non per importanza, alla direttrice del distretto sanitario e idealmente alle donne del nostro servizio sanitario alle quali viene chiesto uno sforzo incredibile per il bene della collettività”.

“A tutte loro e a tutte le cittadine di Fiumicino – conclude Montino – ribadisco il mio impegno ad essere sempre al loro fianco contro le disuguaglianze, le disparità, gli stereotipi e per la parità di genere. Buon 8 marzo a tutte“.

“Molteplici sono le storie circa le origini della Giornata internazionale delle donne. Ciò che però conta è il senso che questa giornata ha: celebrare l’importanza delle donne. L’8 marzo deve servire a ricordarci che ogni giorno va affermato e sottolineato il ruolo fondamentale delle donne nella società”. Lo dichiara l’assessora alle Pari Opportunità, Anna Maria Anselmi.

“Ancora oggi le donne subiscono continue discriminazioni – sottolinea Anselmi -: sul lavoro, in famiglia, a scuola, negli ambiti della vita sociale. Una situazione che nel 2021 non dovrebbe più esistere. E invece ogni dona lotta ogni giorno contro tutto questo”.

“A causa della crisi sanitaria il 98% di coloro che hanno perso il lavoro è donna, aumentando la disparità di genere. Durante il lockdown gli episodi di violenza sulle donne sono aumentati – prosegue l’assessora -. E in questi mesi il carico dei lavori di cura è ricaduto sempre di più sulle spalle delle donne. Tutti segnali che invece di far sperare in un progresso sociale e culturale preoccupano e allarmano”.

“Per tenere alta l’attenzione sulle discriminazioni e la violenza – annuncia -, come Assessora alle Pari Opportunità, ho deciso di far diffondere su tutto il territorio del Comune un messaggio esplicito, diretto e significativo che aiuti le donne a combattere la violenza in ogni sua rappresentazione fisica, psicologica o economica. Manifesti con lo slogan ‘Io dico no alla violenza sulle donne’ e il numero che le donne possono chiamare per chiedere aiuto, saranno affissi in tutta la città”.

Civitavecchia

“Per la giornata internazionale dei diritti della donna, omaggeremo le donne della nostra città con un piccolo presente. Vi invitiamo a passare presso la sede in via A.Cialdi 28, lunedì 8 marzo, dalle ore 16 alle ore 19. Sarà un’occasione in più per ascoltare le voci delle donne del nostro territorio”. Così in una nota stampa gli attivisti del Movimento 5 Stelle di Civitavecchia festeggiano la giornata dedicata alle donne.

“Questa giornata sarà a completamento degli Eventi organizzati per ricordare, celebrare e scoprire quanto il ruolo della donna sia, nel corso degli anni, mutato in meglio e quanto ancora è necessario sensibilizzare la società”.

“Per chi volesse inoltre riascoltare la web conference – concludono gli attivisti – che ha visto come ospiti rappresentanze del Movimento a tutti i livelli: locale, regionale , nazionale ed europeo, vi invitiamo a visitare la pagina Facebook ‘Movimento Cinque Stelle Civitavecchia’. Approfittiamo per ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questi eventi”.

Santa Marinella

“Buon 8 marzo a tutte e a tutti. Perché oggi, come ogni giorno dell’anno, c’è bisogno del lavoro di tutte e di tutti per costruire una società che dia sul serio pari opportunità e stesse condizioni di partenza”. Così in una nota il Sindaco di Santa Marinella Pietro Tidei.

“Anche durante la pandemia tante donne hanno sofferto – prosegue -, in troppe hanno perso il lavoro e hanno visto peggiorare le loro condizioni economiche e di vita. Stando alle statistiche, più degli uomini. E allora c’è bisogno di rafforzare il nostro impegno quotidiano, lo dico anche da Sindaco, per far si che ognuno faccia la sua parte per lottare contro le tante discriminazioni e stereotipi che esistono ancora e perché il divario che ancora esiste in termini salariali, di crescita lavorativa, di carico di lavoro famigliare venga eliminato, anche attraverso l’erogazione di servizi che sono ancora insufficienti”.

Pomezia

“Si celebra oggi la Giornata internazionale della Donna. Per l’occasione la Torre civica di piazza Indipendenza si illumina di rosa: un messaggio di sostegno e vicinanza a tutte le donne del territorio nella giornata che denuncia le discriminazioni di genere e difende i diritti conquistati in anni di lotte”. Così in una nota il Comune di Pomezia.

Alle donne è anche dedicata la programmazione dei Musei di Pomezia: oggi ingresso gratuito per tutte le donne al Museo civico archeologico Lavinium e visita guidata tematica alle ore 16.00. Il Museo Città di Pomezia – Laboratorio del Novecento apre oggi le porte con un’estemporanea dell’artista Olga Silivanchyk e prosegue fino al 31 marzo con una programmazione che mette al centro l’arte, la storia e la letteratura femminile”.

“Inoltre il Comune di Pomezia patrocina il concorso di street art ‘Un altro genere di forza’ promosso da Sportello Donne Pomezia, dedicato alla forza delle donne e rivolto ad artiste e artisti maggiorenni, del territorio e non solo”.

“Accendiamo oggi il monumento simbolo della Città – spiega l’Assessora Miriam Delvecchio – per lanciare un messaggio chiaro alla cittadinanza: l’Amministrazione di Pomezia è dalla parte delle donne, contro gli stereotipi di genere che le vogliono sempre vittime e deboli. Il concorso di street art di Sportello Donne Pomezia va proprio in questa direzione: il titolo ‘Un altro genere di forza’ sottolinea che la forza con coincide con la violenza, ma che è molto altro, soprattutto incontro e alleanza con le altre donne”.

“Abbiamo condiviso fin da subito questo progetto – aggiunge il Sindaco Adriano Zuccalà –Crediamo fortemente nella forza comunicativa della street art, soprattutto per le generazioni più giovani. Invitiamo tutte le artiste e gli artisti del territorio a partecipare al concorso per sostenere Sportello Donne Pomezia, che lavora quotidianamente a tutela delle nostre concittadine in difficoltà, e per lasciare un segno di forza e bellezza a Pomezia”.

In occasione della Giornata internazionale della Donna – oggi 8 marzo 2021 – Sportello Donne Pomezia, con il patrocinio del Comune di Pomezia, lancia un concorso di street art rivolto ad artiste e artisti maggiorenni, del territorio e non solo. In palio 3 premi da 500 euro ciascuno.

Tema del concorso è la forza delle donne, come è intesa da Alessandra Chiricosta, femminista e marzialista, docente di filosofia interculturale e studi di genere, nel suo libro “Un altro genere di forza”, pubblicato nel 2019 da IacobelliEditore: https://www.iacobellieditore.it/catalogo/un-altro-genere-di-forza/.

Obiettivo del concorso è creare spazi e momenti di confronto sul territorio al fine di sensibilizzare la cittadinanza, in particolare ragazze e ragazzi, contro le discriminazioni e gli stereotipi di genere, al fine di promuovere e diffondere una conoscenza consapevole delle differenze, da valorizzare e non neutralizzare. L’intento è utilizzare un linguaggio speciale, quello della street art, come espressione artistica molto vicina alle generazioni più giovani ma anche manifestazione sociale che nasce e si sviluppa sul territorio, attraversando gli spazi cittadini con un segno indelebile, per oggi e per domani.

Sarà cura di Sportello Donne Pomezia reperire successivamente le autorizzazioni e le risorse economiche necessarie alla realizzazione su pareti e spazi pubblici, da concordare con il Comune di Pomezia. E’ volontà di Sportello Donne Pomezia realizzare i lavori in tre quartieri periferici della città, che caratterizzano fortemente le radici, la storia e le risorse del nostro territorio: Torvaianica (mare), Santa Procula (terra), Santa Palomba (industria), zone della Città molto popolate, spesso poco collegate con il centro, ma con uno spiccato senso di identità e un’attiva vita di quartiere.

La scadenza per la presentazione dei progetti grafici è l’8 maggio 2021 alle 12.

La/Il candidata/o dovrà inviare una mail all’indirizzo concorso.sportellodonnepomezia@gmail.com allegando:

– il modulo di partecipazione;

– i bozzetti delle opere aderenti al tema descritto nell’art. 1 del Bando di partecipazione;

– una scheda di descrizione dell’opera (massimo 2000 battute);

– una breve biografia;

– un portfolio di opere già realizzate specificandone il luogo;

– le modalità di esecuzione e un preventivo di massima dei materiali necessari (i costi del materiale e dell’eventuale realizzazione non saranno a carico dell’artista).

Tutte le info su: https://sportellodonnepomezia.org/2021/03/07/un-altro-genere-di-forza-concorso-di-street-art-a-pomezia/

Anzio

Con una pianta di mimosa recapitata in ogni Istituto Comprensivo ed in tutte le Scuole Superiori di Anzio, simbolicamente, il Sindaco, Candido De Angelis, l’Assessore alle politiche della scuola, Laura Nolfi e l’Amministrazione Comunale tutta, questa mattina, 8 marzo, hanno posto l’accento sulla Giornata Internazionale dei Diritti della Donna, contro ogni forma di violenza e di discriminazione, purtroppo drammaticamente ancora molto diffuse.

Continua il progetto dell’Amministrazione De Angelis sui valori della memoria e sulla sensibilizzazione delle giovani generazioni. “Anzio non dimentica. I valori della memoria custoditi e trasmessi ai giovani, per un futuro di Pace”.

Nettuno

“Ricorre oggi la Giornata Internazionale della Donna ed in questo giorno, care concittadine, voglio rivolgere a voi uno speciale augurio e un particolare ringraziamento per il ruolo fondamentale che ricoprite all’interno della nostra società”. Lo dichiara il Sindaco della Città di Nettuno Alessandro Coppola.

“Un ringraziamento che deve avere valore per tutti i giorni dell’anno – prosegue – e non solo per oggi e questo deve essere il nostro compito, il compito di ognuno di noi, nel nostro agire quotidiano. Questa giornata è solo l’occasione per fermarsi a riflettere alle tante battaglie, alle difficoltà, alla sofferenza e alla discriminazione che ancora oggi milioni di donne patiscono nel mondo.

La parità di genere e la parità salariale devono essere concetti e obiettivi unitari che tutti insieme dobbiamo perseguire ogni singolo giorno e non solo in occasione di una ricorrenza. Diritti sacrosanti e giusti che ancora oggi la nostra società, colpevolmente, non è riuscita pienamente a raggiungere.

Troppe ancora oggi sono le donne vittime di femminicidio e di violenza domestica, due tra le piaghe più dolorose della nostra società figlia di un maschilismo latente e becero che sfocia in una cieca, bieca e ingiustificata e ingiustificabile forma d’odio nei confronti delle donne con conseguenze spesso drammatiche e irreversibili.

Questo 8 marzo 2021 cade ad un anno esatto da quando la pandemia ha travolto definitivamente la nostra nazione. L’ultimo giorno prima del lockdown, parola fino ad allora quasi sconosciuta, divenuta improvvisamente di uso comune. Una parola che ha significato paura, distanza, dolore e apprensione.

È anche il giorno in cui ho appreso ed ho dovuto divulgare l’accertamento del primo caso di Coronavirus nella nostra città, il primo di 1900 casi. L’inizio di un dramma che ha portato 47 nostri concittadini a perdere la vita per questo maledetto virus.

Oggi più che mai il mio pensiero va alle tante, tantissime donne che in questo anno infernale sono state i nostri angeli custodi, dottoresse ed infermiere schierate in prima linea nella lotta al Coronavirus, così come le donne delle forze armate e della polizia e anche della nostra Polizia Locale che saluto con particolare e caloroso affetto, così come le amministratrici, le donne dirigenti nel nostro Ente, le consigliere comunali e le dipendenti del nostro Comune che non si sono risparmiate, lavorando senza sosta per dare risposte e sostegno alla cittadinanza.

Il loro ruolo è stato – conclude il Sindaco -, e sarà sempre, più arduo di quello di noi uomini chiamate a conciliare il loro impegno professionale con quello altrettanto delicato di madri e punti cardine delle nostre famiglie, pilastro dell’intera società italiana non abbastanza valorizzato. Grazie alle donne per tutto quello che fanno e che l’8 marzo sia ogni giorno e non una volta solo l’anno”.

Roma Eur

Per l’8 marzo, giornata internazionale della Donna, la sezione Anpi Trullo-Magliana “Franco Bartolini” con la memoria volta alle donne che lottarono per tutte le libertà, accoglie ed appoggia “Posto Occupato”, la campagna nata, nel 2013 a Rometta in provincia di Messina, con l‘obiettivo di mantenere alta l’attenzione nei confronti della violenza sulle donne.

Il ‘Posto Occupato’ è lasciato libero – si legge nella nota dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiana – per tutte quelle donne che avrebbero voluto e dovuto essere lì sedute: al teatro, al cinema, in aula, a bere una birra, a viaggiare, a vivere e realizzare i propri sogni. Un segno, un monito silenzioso, voce per chi non ha più voce, che suggerisce a tutti di non sottovalutare mai i segnali della violenza e non voltarsi mai dall’altra parte!

Abbiamo occupato simbolicamente con la locandina della campagna – conclude l’Associaizone – le panchine e pensiline di via del Trullo per ricordare chi avrebbe potuto occuparle veramente se non fosse stato ucciso. La violenza è un problema culturale e contrastarla in ogni sua forma è una responsabilità sociale”.

Roma Città Metropolitana

Auguri a tutte le donne della Difesa che, in uniforme e non, svolgono un ruolo importante al servizio del Paese e della collettività. Rivolgo, inoltre, un augurio particolare a tutte le nostre donne attualmente impegnate nei teatri operativi. Grazie al loro straordinario impegno, alla professionalità e allo spirito di sacrificio facilitano il dialogo con le comunità femminili locali nei contesti delle missioni di peacekeeping all’estero, dando un contributo importantissimo in situazioni di grande criticità.”. Lo rende noto il Sottosegretario alla Difesa, Stefania Pucciarelli, in occasione del 112° anniversario della Giornata Internazionale dei diritti della donna.

“L’ingresso delle donne nelle Forze Armate, avvenuto con Legge delega 380/1999, ha certamente rappresentato una importante novità nel processo di cambiamento dello strumento militare. Alle donne di Esercito, Marina Militare, Aeronautica Militare e Carabinieri, che oggi svolgono i loro compiti al servizio delle Istituzioni e dei cittadini, va il nostro sentito ringraziamento”, conclude Pucciarelli.

Anche Italia Viva Roma interviene con una nota della sua responsabile Famiglia e Pari Opportunità, Licia Rossi. “C’è bisogno di 8 marzo oggi più che mai perché per superare questa difficile stagione funestata dalla pandemia dovremo affidarci sempre di più alle donne – scrive la Rossi -, dovremo ripartire dal ruolo fondamentale che le donne rivestono nella nostra società. Un ruolo che però troppo spesso non trova pieno riscontro negli stipendi, nella tutela dei posti di lavoro, nel sostegno alle famiglie, nella presenza nelle istituzioni.

Servono donne competenti alla guida delle istituzioni, a partire dal Comune di Roma. A Roma la prima sindaca donna chiude il suo mandato con un fallimento senza precedenti: nessuna politica seria per ridurre il divario di opportunità tra uomini e donne, nessun investimento concreto sugli asili nido, nessun investimento su illuminazione pubblica e sicurezza nelle strade, nessun vero cambio di passo. Il 2021 potrà e dovrà essere l’anno del cambiamento, con le prossime elezioni.

La strada – conclude la Rossi – è ancora lunga: a oltre 100 anni dall’inizio della sua celebrazione annuale, oggi c’è ancora più bisogno della Giornata internazionale dei diritti della donna”.

Sabaudia

Nella Giornata Internazionale della Donna, l’Amministrazione comunale di Sabaudia ha voluto omaggiare la figura di Maria Plozner Mentil e quella di tutte le “Portatrici carniche”, nell’ambito di una cerimonia presso il parco Plozner, dove è sito il monumento a lei dedicato, alla quale hanno partecipato il sindaco Giada Gervasi, il consigliere Francesca Avagliano e alcuni rappresentanti della sezione di Sabaudia dell’Associazione Nazionale Alpini.

Nella giornata in cui si omaggia la figura femminile – ha commentato il sindaco Gervasi, che ha deposto un mazzo di fiori al monumento -, abbiamo voluto rivolgere un pensiero a tutte le donne che hanno preso parte alla Grande Guerra nel ruolo di portatrici di munizioni, divenendo un esempio per le altre donne che diedero aiuto ai combattenti e per tutte quelle che oggi combattono, seppur su altri fronti e battaglie di diversa natura, a sostegno del prossimo e per il bene delle diverse comunità. A loro e a tutte le donne un augurio per questa ricorrenza, affinché possa continuare ad essere foriera di emancipazione”.

(Il Faro online)