Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Coppa del Mondo discesa libera, Sofia Goggia: “Un bis che mi fa sorridere”

Dopo la conquista del 2018 l’atleta gialloverde si ripete. La rivincita dopo l’infortunio al ginocchio

Più informazioni su

Sta vivendo una favola Sofia Goggia. Dopo le lacrime versate lo scorso 31 gennaio, quando l’infortunio al ginocchio destro, l’ha strappata dai Mondiali di Cortina in casa, ecco la felicità del ritorno in pista, ma anche quella targata Coppa del Mondo.

La campionessa olimpica di discesa ha messo in bacheca il secondo trofeo del circuito bianco, di specialità. Dopo lo stop anticipato delle gare di questa mattina deciso dalla Federazione Internazionale di sci alpino, la Goggia conquista la storia. E’ una fase di ritorno dal tunnel per lei e scrive della sua vicenda  sui social: “Tre anni fa vinsi la mia prima Coppa del Mondo giocandomela fino all’ultimo centesimo con la Regina Lindsey Vonn”. Racconta la sua prima vittoria Sofia e con particolare emozione: “Ero riuscita a spuntarla per tre soli punti”.

Allora la gara che poi la portò al trionfo fu a rischio cancellazione, come quella di questa mattina. Che ha subìto un destino diverso: “La vinco con 70 punti di vantaggio, avendo corso 5 delle sette discese disputate”. Ha ottenuto 4 vittorie, con il peggior risultato del secondo posto. Una media a gara di 96 punti per l’atleta delle Fiamme Gialle, cosa eccezionale: “Mi dispiace non aver sciato oggiscrive la Goggiasarebbe stato entusiasmante”. E sottolinea che ‘nessuna più di me meriti la Coppa di discesa in questa stagione’.

Le metterà una accanto all’altra in bacheca. La Coppa del  Mondo vinta nel 2018 e quella conquistata nella  stagione odierna 2021: “Sorriderà quando le vedrò insieme”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport

 

VIVERE UN SOGNO PORTA FORTUNA 🍀❤️

La mia seconda Coppa del Mondo in Discesa Libera❤️

Tre anni fa vinsi la mia prima…

Pubblicato da Sofia Goggia su Mercoledì 17 marzo 2021

 

 

 

Più informazioni su