Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Finta associazione di “agenti” in uniforme, con pistole e tesserini al Tulipark di Roma foto

La polizia ha denunciato il Presidente di una finta organizzazione di volontariato

Più informazioni su

Roma – Doveva essere una giornata da ricordare quella dell’inaugurazione del Tulipark in Via dei Gordiani, presso il parco Villa de Santis, senonché gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Prevenzione Crimine, coadiuvati da personale della Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Roma, hanno scoperto una finta associazione di volontariato intenta, durante l’evento, a svolgere vere e proprie funzioni di Polizia.

Ad insospettire i poliziotti una persona, con casacca con su scritto il nome dell’associazione, munita di radio portatile e fondina al cui interno si intravedeva una pistola, che gli investigatori hanno accertato essere una pistola spray al peperoncino.

Secondo gli inquirenti l’associazione vanta una struttura gerarchica di tipo militare con tanto di Dirigente Generale, utilizzo di uniformi, placche, distintivi e tessere di riconoscimento nonché reclutamento di appassionati del mondo militare tra i quali un sedicente Colonnello dell’Esercito Italiano in quiescenza, risultato in realtà essere un ex impiegato civile del Ministero della Difesa.

Dalle risultanze investigative risulta che tutti pagavano una quota annuale per l’iscrizione: da verificare se la quota fosse commisurata al grado da rivestire nell’associazione.

Unico indagato, al momento, il Presidente denunciato all’Autorità Giudiziaria per i reati di utilizzo di segni distintivi contraffatti nonché di raccolta, detenzione e vendita di uniformi senza la licenza, in violazione del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

Sequestrata anche l’autovettura di servizio, che gli agenti della Questura di Roma hanno ritenuto del tutto simile a quella in uso alle forze di polizia con livrea grigio-verde, completa di barra luminosa con luci di emergenza di colore blu: il tutto per meglio circuire la cittadinanza ed alcune istituzioni ed enti locali presso i quali erano riusciti ad accreditarsi, tanto da presenziare in forma ufficiale a manifestazioni e cerimonie pubbliche come quella presso il parco Villa de Santis.

A seguito di ulteriori accertamenti la Polizia avrebbe accertato che sulla macchina grava un pignoramento di circa 150mila euro. Sono in corso ulteriori indagini da parte della Questura sui vertici dell’organizzazione al fine di verificare se fondi impiegati per attività di beneficenza siano effettivamente stati utilizzati a tale scopo.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram sulle notizie dall’Italia e dal mondo

Più informazioni su