Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

“M’illumino di meno”: Roma e le città del litorale laziale spengono i loro monumenti

Tante le adesioni alla manifestazione indetta dal programma di Radio 2 "Caterpillar", per sensibilizzare sul tema del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili

Roma – Quest’anno, 2021, è cruciale per affrontare la crisi climatica con la ventiseiesima Conferenza delle Parti (COP) sul Clima. Il Wwf Italia, come ormai da anni, chiede di spegnere monumenti ed edifici storici delle grandi città, ma si rivolge anche ai tanti cittadini che sono preoccupati per i cambiamenti climatici e delle conseguenze che sono già visibili nei tanti eventi meteorologici disastrosi.

Lampadine

Il gesto simbolico di spegnere le luci dalle 20.30 alle 21.30, l’ultimo sabato del mese di marzo, per l’Ora della Terra, ha un profondo significato.  Il cambiamento nasce da ciascuno di noi e inizia da attenzione e coerenza nelle nostre azioni quotidiane. C’è una domanda che è alla base del nostro cambiamento: “Il mio gesto è in linea con la salvaguardia della natura? Contrasta oppure contribuisce alla crisi climatica?”.

Roma, si spengono le luci su piazza Campidoglio

Roma Capitale aderisce a “M’illumino di meno”, l’iniziativa della trasmissione ‘Caterpillar’ e di Rai Radio 2, giunta alla diciassettesima edizione.

“M’illumino di Meno” è una giornata dedicata agli stili di vita sostenibili, nata nel 2005 per promuovere il risparmio energetico tramite gesti simbolici. Spegnere una piazza o un monumento, ad esempio, per sensibilizzare all’uso responsabile delle fonti energetiche. L’edizione 2021 è dedicata al “Salto di Specie”, vale a dire all’evoluzione ecologica dei singoli comportamenti come strumento per uscire migliori dalla pandemia.

A spegnersi simbolicamente, alle ore 19.30 di oggi e per trenta minuti, in nome della salvaguardia dell’ambiente, saranno le luci di piazza del Campidoglio, di Palazzo Senatorio e dei Musei Capitolini.

Pomezia aderisce alle campagne “M’Illumino di meno” e “Earth Hour 2021”

Luci della Torre Civica di piazza Indipendenza spente simbolicamente per un’ora, nelle serate di oggi e di domani, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla salvaguardia ambientale. Oggi, venerdì 26 marzo, torna “M’Illumino di meno”, la campagna ideata dal programma radiofonico Caterpillar di RAI Radio 2 sul risparmio energetico e gli stili di vita sostenibili. L’edizione 2021 è dedicata al “Salto di specie”, l’evoluzione ecologica nel nostro modo di vivere che dobbiamo assolutamente fare per uscire migliori dalla pandemia. Pomezia partecipa anche quest’anno, spegnendo simbolicamente le luci della Torre dalle ore 19.30 alle ore 20.30.

Domani, sabato 27 marzo, il nostro Comune aderisce alla campagna “Earth Hour 2021”, promossa dal WWF. Le luci della Torre Civica si spegneranno dalle 20.30 alle 21.30 per evidenziare l’urgenza e la necessità di contrastare il cambiamento climatico. Giunta alla sua tredicesima edizione, l’iniziativa quest’anno lancia il messaggio globale “Earth Hour 2021: schieriamoci con la natura!” coinvolgendo decine di migliaia di edifici, palazzi e monumenti attraverso tutti i fusi orari, dal Pacifico alle coste atlantiche.

“Abbiamo aderito con convinzione a queste due importanti iniziative – ha spiegato l’Assessore Giovanni Mattias – per ribadire come la lotta al cambiamento climatico sia strettamente connessa a quella per invertire la curva della perdita di biodiversità. La natura è la nostra più grande alleata contro il cambiamento climatico, tutelarla e salvaguardarla significa anche contribuire a ridurre il rischio dell’emergere e diffondersi delle pandemie”.

“M’Illumino di meno e Earth Hour rappresentano un inno alla bellezza – ha aggiunto il Sindaco Zuccalà – Un modo per partecipare attivamente alla tutela del nostra Pianeta cercando di contrastarne la distruzione. Spegniamo le luci della Torre Civica richiamando l’attenzione sulla necessità di intervenire sui cambiamenti climatici in corso mediante un gesto semplice, ma concreto: rinunciare per un’ora all’utilizzo della luce artificiale”.

“M’Illumino di meno”, Cerveteri: luci spente al Granarone

Oggi, venerdì 26 marzo, il Palazzo del Granarone, luogo simbolo delle Istituzioni del Comune di Cerveteri, spegne le luci per una sera. Il Comune di Cerveteri aderisce all’iniziativa di sensibilizzazione sul tema del risparmio energetico e sugli stili di vita sostenibili proposta dal programma di Radio2 Caterpillar “M’Illumino di meno”.

Un’iniziativa fortemente simbolica che vuole suscitare attenzione sull’importanza di un modo di vivere ecologico e sostenibile, dalla mobilità, all’abitare, dall’alimentazione all’economia circolare.

“Stasera spegneremo la facciata del Granarone per dimostrare come ogni piccolo gesto quotidiano abbia un peso non indifferente sull’ambiente – ha detto il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci –ovviamente, può aderire chiunque all’iniziativa, spegnendo una luce che solitamente rimane accesa. Un piccolo gesto ma di grande impatto, che potrà darci una maggiore consapevolezza su quanto, con un minimo di attenzione, possiamo fare per il nostro pianeta”.

Nel 2005 Caterpillar, programma di Rai Radio 2, lancia M’illumino di meno, una campagna simbolica finalizzata alla sensibilizzazione al risparmio energetico giunta oggi alla 17ª edizione.

Prende il nome dai celebri versi di Mattina di Giuseppe Ungaretti (“M’illumino / d’immenso”), ed è organizzata intorno al 16 febbraio, giorno in cui ricorre l’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto.

La giornata di M’illumino di meno prevede una puntata speciale di Caterpillar in cui si raccontano le adesioni più illustri e particolari.

Questa giornata è preceduta da una campagna radiofonica di circa quattro settimane durante le quali il programma racconta le migliaia di adesioni di scuole, comuni, associazioni e singoli cittadini.

La campagna invita a ridurre al minimo il consumo energetico, spegnendo il maggior numero di dispositivi elettrici non indispensabili, creando un momento di simbolico silenzio energetico.

La manifestazione, benché di breve durata, ha ottenuto un riscontro effettivo in termini di risparmio energetico. Secondo quanto riportato da Terna, la società responsabile della trasmissione di energia elettrica in Italia, nei minuti successivi l’avvio dell’iniziativa si è verificato un sensibile calo dei consumi.

Ladispoli aderisce a “M’illumino di meno”

Anche quest’anno la Città di Ladispoli aderisce a “M’illumino di meno”, la manifestazione indetta dal programma di Radio 2 “Caterpillar”, per sensibilizzare sul tema del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili. Per chiedere di spegnere tutte le luci che non sono indispensabili. Un’iniziativa simbolica e concreta che fa del bene al Pianeta e ai suoi abitanti. Quest’anno ” M’illumino di meno” ed è dedicata all’evoluzione ecologica del nostro modo di vivere: dalla Mobilità, nell’abitare, dall’alimentazione, all’economia circolare.

“Con noi – spiega l’assessore al commercio, attività produttive e comunicazione, Francesca Lazzeri – anche la Condotta Slow Food “Costa della Maremma Laziale ” invita tutti per il questa sera a spegnere le luci e a fare un Salto di Specie, cioè un’azione concreta nella propria vita quotidiana, che aiuti il nostro Pianeta. Spengere le luci e testimoniare il proprio interesse al futuro dell’umanità resta un’iniziativa concreta, non solo simbolica, e molto partecipata. All’invito di Slow Food hanno aderito al nostro invito i Comuni di Allumiere e Tolfa”.

Le Amministrazioni dei tre Comuni, in continuità con le attività di M’Illumino di Meno dell’anno passato, pianteranno degli alberi nei Parchi e giardini comunali e dalle ore 19:00 alle ore 19:30 verranno spente le luci dei Palazzi Comunali e delle piazze limitrofe. Si può fare, a piedi per un giorno, riutilizzare dei materiali riducendo lo spreco e la sera a casa cenare insieme a lume di candela.

Anche il Parco RIviera d’Ulisse si spegne

Il Parco Riviera di Ulisse aderisce a “M’illumino di meno”, l’iniziativa promossa dalla trasmissione “Caterpillar di Rai Radio 2, per sensibilizzare i cittadini sul tema del risparmio energetico. L’iniziativa è coerente con gli impegni del Contratto di Costa e di Foce del fiume Garigliano in tema di risparmio energetico. Da tempo, infatti, l’ente Parco invita a utilizzare sistemi di illuminazione non tradizionali a favore delle luci a led, che con il loro alto rendimento riducono i consumi di energia elettrica. Si pensi ad esempio ai parcheggi illuminati completamente a led che generano un notevole risparmio energetico, consentendo di evitare l’immissione in atmosfera di tonnellate di CO2.

Nella nuova economia investire sul green sarà più di una scommessa, investire su nuovi lavori sostenibili e su un’economia circolare ci aiuterà a bilanciare tutto quanto di male fatto finora, nel frattempo bisogna già da oggi migliorare i nostri comportamenti nei confronti del consumi energetici.

Con questa iniziativa diamo un contributo alla lotta al cambiamento climatico che è innanzitutto un atto morale nei confronti delle prossime generazioni. Questa potrebbe essere l’occasione per invitare le Amministrazioni Pubbliche alla sostituzione degli impianti di illuminazione tradizionali, con un risparmio energetico nell’ordine del 50% rispetto alle luci a fluorescenza usate fino a qualche anno fa e ad utilizzare i tetti degli edifici pubblici (come ad esempio scuole ed edifici comunali) per trasformare l’energia fornita dal sole attraverso impianti fotovoltaici per l’alimentazione degli stessi. Contribuiamo intanto oggi con un piccolo gesto spegnendo le luci per 30 minuti.

Il Comune di Latina aderisce alla campagna “M’illumino di Meno”

Il Comune di Latina conferma la propria adesione all’iniziativa promossa dalla trasmissione “Caterpillar”, programma di Rai Radio 2, denominata “M’illumino di meno”, in occasione della Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, prevista per oggi 26 marzo.

L’appuntamento quest’anno è dedicato al tema “Salto di Specie”, l’evoluzione ecologica nel nostro modo di vivere che dobbiamo assolutamente fare per uscire migliori dalla pandemia. Come segno di adesione a questa importante iniziativa di sensibilizzazione ambientale, per un uso intelligente delle risorse e per riflettere sul tema dello spreco di energia, il Comune di Latina ha disposto per questa sera lo spegnimento parziale, dalle 20 alle 21, dell’illuminazione pubblica di Piazza del Popolo.

(Il Faro online)