Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Regione Lazio ad Ama: individuate le possibili soluzioni per la crisi dei rifiuti a Roma”

La criticità nella città di Roma è legata alla difficoltà di conferimento dei rifiuti a causa della chiusura della discarica Roccasecca

Regione Lazio – Ieri pomeriggio la Regione Lazio ha inviato una lettera ad Ama per rispondere a quanto comunicato dalla società capitolina circa l’imminente criticità nella città di Roma, legata alla difficoltà di conferimento dei rifiuti a causa della chiusura della discarica Roccasecca da parte della Società MAD srl.

“Si prende atto – si legge nella lettera – che Ama S.p.A. ha provveduto già a ridistribuire parte del carico su altri impianti Tmb che hanno la possibilità di conferire i relativi scarti verso discariche diverse da quella di Roccasecca e che resterebbero pertanto da trattare 365 t/g, i cui scarti di trattamento sarebbero quantificabili in 200 t/g per i quali si renderebbe necessario trovare spazi impiantistici di smaltimento finale. A tal fine la Regione, attraverso interlocuzioni e tavoli tecnici ha individuato possibili soluzioni che verranno formalizzate con apposita ordinanza contingibile ed urgente ai sensi dell’art. 191, comma 1, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, nel territorio regionale e, in altre regioni con le quali sono già in corso specifiche interlocuzioni”.

“Nello specifico ad oggi sono state riscontrate disponibilità nel territorio regionale, ad accogliere circa 240 t/g a far data dal 2 aprile e fino al 6 aprile, e di circa 340 t/g dal 7 aprile al 20 aprile, periodo che consentirebbe di definire e formalizzare gli accordi interregionali di cui sopra. Le suddette disponibilità devono soddisfare, ovviamente, anche le esigenze dei Comuni della provincia di Frosinone che conferivano presso la discarica gestita dalla MAD srl. La suddetta ordinanza, in fase di predisposizione, sarà adottata nella giornata di giovedì 1 aprile”, – si legge ancora nella lettera.

“Sulla base di quanto rappresentato nella nota che si riscontra si rende quindi necessario, al fine di evitare una parziale raccolta di rifiuti indifferenziati, che codesta società individui una soluzione temporanea, per un periodo di circa 48 ore, fino alla piena operatività dell’ordinanza di cui sopra”.

La lettera, firmata dal Direttore Generale del Ciclo dei Rifiuti, Dott.ssa Wanda D’Ercole, è stata inviata, oltre che all’ Amministratore Unico AMA, Dott. Stefano Antonio Zaghis anche al Sindaco Roma Capitale, Avv. Virginia Raggi, al Capo di Gabinetto Dott. Stefano Castiglione, all’ Assessore ai Rifiuti e al Risanamento Ambientale Dott.ssa Katia Ziantoni, al Direttore Generale di Roma Capitale Dott.ssa Gabriella Acerbi, al Dipartimento Tutela Ambientale, al Dipartimento Tutela Ambientale Direzione Rifiuti, Risanamenti ed inquinamenti, al Amministratore Giudiziario della Società E. Giovi srl, alla Prefettura di Roma, Prefetto Dott. Matteo Piantedosi, al Capo di Gabinetto del Prefetto di Roma Dott.ssa Vittoria Ciaramella, al Ministero della Transizione Ecologica, Direttore Generale Direzione generale per l’economia circolare Dott.ssa Laura D’Aprile, alla Procura della Repubblica Di Roma, Procuratori Aggiunti Nunzia D’Elia e Paolo Ielo.
Il Faro online – Clicca qui per leggere le notizie della Regione Lazio.