Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Tragedia a Velletri: operaio di Terracina muore folgorato dai cavi elettrici

Il braccio meccanico della gru sulla quale stava lavorando ha toccato inavvertitamente i fili dell’alta tensione e l'operaio è morto sul colpo

Roma – Tragedia a Velletri, dove nel primo pomeriggio di ieri 7 aprile un operaio è rimasto folgorato sul posto di lavoro.

Immediato l’intervento dei Vigili del Fuoco di Marino per soccorrere il 45enne rimasto folgorato dopo che il braccio meccanico della gru sulla quale stava lavorando ha toccato inavvertitamente i fili dell’alta tensione. L’area e il mezzo coinvolto sono state messe in sicurezza dai Vigili del Fuoco.

Sul luogo anche il personale del 118, la polizia di stato, Spresal e l’Enel Rieti, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare per l’uomo, che è morto sul colpo.

Di Berardino: “Serve una legge regionale”

“Purtroppo, dopo il grave incidente di ieri che ha visto coinvolti due operai (leggi qui), oggi contiamo una vittima sul lavoro. A nome della giunta regionale del Lazio esprimo vicinanza e cordoglio alla famiglia dell’operaio di 45 anni morto folgorato nelle prime ore di questo pomeriggio a Velletri”. Cosi Claudio Di Bernardino, assessore al lavoro della Regione Lazio.

Nella nostra regione siamo a lavoro con tutte le parti sociali per aumentare il livello di sicurezza in tutti i settori, a partire da quelli maggiormente esposti agli incidenti. Un percorso che la prossima settimana ci porterà a presentare in Giunta una proposta di legge regionale sulla salute e sicurezza, grazie alla quale la Regione Lazio avrà il suo primo piano strategico regionale sulla salute e la sicurezza sul lavoro, con azioni definite e finalizzate alla prevenzione, formazione, informazione e vigilanza. Su quest’ultimo fronte riuniremo domani stesso la task force regionale sulla vigilanza”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram sulle notizie dall’Italia e dal mondo