Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

“Tendi la mano” dona pc al Goretti di Latina

Alla cerimonia di consegna erano presenti oltre al direttore dell'Ospedale Sergio Parrocchia, i componenti del direttivo di "Tendi la Mano" Alfredo Caradonna e Giuseppe Catania.

Sono stati consegnati giovedì 08 aprile 2021, presso la sala conferenze dell’Ospedale Santa Maria “Goretti” di Latina, da parte dei rappresentanti dell’Associazione Tendi La Mano A.I.P.O.M. Onlus, alcuni Pc, acquistati grazie alle donazioni del 5×1000, al direttore Sanitario, da utilizzare negli ambulatori del  nosocomio e per la casa di Cura di Sezze.

Alla cerimonia di consegna erano presenti oltre al direttore dell’Ospedale Sergio Parrocchia, i componenti del direttivo di “Tendi la Mano”  Alfredo Caradonna e  Giuseppe Catania.

L’associazione  no profit “Tendi la Mano” è nata per l’esigenza di svolgere ricerche finalizzate alla prevenzione delle patologie osteometaboliche, in particolare per le malattie della tiroide, dell’obesità e legate all’osteoporosi – ha affermato il dott. Giuseppe Catania – nel corso di questi anni, collaborando con il Campus Biomedico e  l’Ospedale “S. M. Goretti” di Latina, abbiamo ottenuto dei prestigiosi riconoscimenti legati a due importanti pubblicazioni, sulla vitamina d e  l’efficacia dei trattamenti termoablativi per i noduli tiroidei, dove la prima firma è del nostro presidente il dott. Roberto Cesareo, che hanno aperto nuove opportunità di cura e reso il nostro ospedale un centro di riferimento in Italia e nel mondo”.

L’Associazione Tendi La Mano non è nuova a donazioni in periodo di Covid, solo pochi mesi fa infatti, ha donato 2000 mascherine di tipo FFP2, camici monouso, guanti, gel e manometri adatti per sale operatorie.

“Le donazioni sono state possibili grazie alla collaborazione di tutti, ad esempio con la donazione del 5×1000 – ha proseguito il dott. Alfredo Caradonna –  ma nella mission di “Tendi la mano”  c’è la prevenzione, uno dei nostri tanti compiti è indicare ai pazienti i comportamenti e i farmaci giusti da assumere, organizzare degli screening gratuiti fra la popolazione e, non appena sarà nuovamente possibile, torneremo ad organizzare convegni e meeting”.