Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Transizione ecologica, Reddito Energetico esteso ad altre fonti rinnovabili

Lombardi: "E’ stato per me motivo di orgoglio e una grande emozione contribuire al lavoro di miglioramento della proposta di legge"

Regione Lazio – “E’ stato per me motivo di orgoglio oltre che una grande emozione contribuire al lavoro di miglioramento della proposta di legge per l’istituzione del Reddito Energetico regionale, nella duplice veste di prima firmataria del provvedimento e assessora alla Transizione Ecologica e alla Trasformazione Digitale”. Così Roberta Lombardi, assessore alla Transizione Ecologica e alla Trasformazione Digitale del Lazio e prima firmataria della proposta di legge sul Reddito energetico, a margine dell’approvazione del provvedimento in Commissione Agricoltura e Ambiente.

“Ringrazio tutti i colleghi – prosegue l’Assessore – che con le loro proposte hanno potenziato questo strumento, la cui applicazione, inizialmente prevista solo per i pannelli fotovoltaici, oggi viene invece estesa anche ad altre fonti energetiche rinnovabili ed ecosostenibili, quali gli impianti solari termo-fotovoltaici, microeolici o geotermici per piccole utilizzazioni locali”.

In questo modo potenziamo la misura diversificandone l’applicazione anche sulla base delle fonti energetiche peculiari dei vari territori. Stabiliamo, inoltre, i presupposti per una serie di regole volte a garantire la tutela dei cittadini fruitori del Reddito Energetico e il corretto monitoraggio dei consumi, stabilendo i doveri di Regione e operatori economici.

Ad esempio, sono a carico della Regione l’acquisto, l’installazione, la connessione e l’assicurazione degli impianti e dei connessi servizi di asset management, inclusi la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti, il telecontrollo e la raccolta dei dati di produzione e consumo e di formazione dei beneficiari. Inoltre, gli operatori economici individuati dalle procedure ad evidenza pubblica devono garantire le ottimali condizioni di esercizio degli impianti e a tal fine gli stessi devono essere garantiti per almeno 10 anni e coperti da apposita assicurazione e da un contratto di manutenzione di durata pari al contratto di comodato d’uso, anche quest’ultimo regolamentato dalla proposta di legge. Gli impianti dovranno essere dotati di un sistema di monitoraggio della produzione consultabile da remoto”.

“L’auspicio ora è che la proposta di legge, – conclude Lombardi – che passerà in Commissione Bilancio per definire la copertura finanziaria, ottenga risorse adeguate. Confido anche in questo caso nella collaborazione e disponibilità di tutti i colleghi che come fatto finora hanno creduto nel Reddito Energetico come strumento per realizzare una Transizione Ecologica socialmente equa”.

Novelli (M5S): “Procediamo verso la transizione ecologica limando il divario energetico”

“In Commissione Agricoltura e Ambiente abbiamo approvato la proposta di legge sul reddito energetico, a prima firma dell’Assessore alla Transizione Ecologica Roberta Lombardi, e che va ad incidere da un lato sull’ambiente e dall’altro a limare il divario energetico dei cittadini della nostra Regione“. Così in una nota Valerio Novelli, presidente della Commissione Agricoltura e Ambiente, a margine della commissione odierna.

“Questa legge consentirà, infatti, ai cittadini meno abbienti– prosegue il Presidente- di dotarsi, grazie al supporto economico della Regione Lazio, di pannelli fotovoltaici per i propri appartamenti. Si tratta di un ulteriore passo in avanti verso un modello di sviluppo basato sulla transizione ecologica, di cui il Movimento 5 Stelle si è fatto primo promotore a livello nazionale e regionale”.

“Ora attendiamo fiduciosi una calendarizzazione celere della Commissione Bilancio – conclude Novelli – per l’approvazione delle norme finanziarie, così da completare l’iter legislativo consegnando il provvedimento al Consiglio Regionale, dotando finalmente il nostro Ente di una legge così importante e moderna”.
Il Faro online – Clicca qui per leggere le notizie della Regione Lazio