Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Anzio, Ardea, Latina Plastic Free: volontari in campo per pulire parchi e spiagge foto

Domenica 18 aprile migliaia di volontari in tutta Italia si sono dati appuntamento per ripulire parchi, spiagge e altri spazi pubblici dai rifiuti di plastica.

Per la giornata di domenica 18 aprile migliaia di volontari in tutta Italia si sono dati appuntamento (nel rispetto delle norme anti-Covid) per ripulire parchi, spiagge e altri spazi pubblici dai rifiuti di plastica (e non solo) dispersi nell’ambiente.

“Parola d’ordine, sensibilizzare” – come dice Luca De Gaetano, presidente di Plastic Free Odv Onlus – “Una grande mobilitazione civica contro l’inquinamento da plastica. Possiamo definire così l’evento nazionale di raccolta lanciato per il 18 aprile dall’associazione Plastic Free Odv Onlus.

Qui ad Anzio ci siamo dedicati alla raccolta rifiuti alla spiaggia e grotte della Villa Imperiale o altrimenti detta villa di Nerone, abbiamo approfittato per dare cenni di storia ai bambini partecipanti, oltre a sensibilizzarli sull’importanza di non sporcare il nostro ambiente”.

Ad Ardea, presso il Lungomare degli Ardeatini, l’evento di raccolta plastica Plastic Free, curato da Alex Fiori, ha visto la partecipazione di numerosi volontari e cittadini, che muniti di guanti e sacchi, hanno raccolto una grande quantità di rifiuti che verranno ritirati dall’igiene urbana nei prossimi giorni.

La consigliera Soldati ha dichiarato: “Sono davvero soddisfatta di aver dato il mio contributo a rendere più pulito un pezzo di spiaggia del mio comune. Gli interventi/eventi continueranno anche in futuro visto che stiamo definendo un protocollo di intesa per promuovere e sostenere queste buone pratiche di cittadinanza attiva”.

“Aver dedicato qualche ora della mia vita all’ambiente e alla collettività è un dono dato col cuore per il futuro delle prossime generazioni. Spero sia anche un piccolo esempio di impegno personale. Grazie a tutti coloro che hanno partecipato” ha concluso la consigliera Passaretta.

(Il Faro online)