Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

A spasso per Civitavecchia con una stecca di sigarette piene di hashish

La Polizia ritira anche la patente a un 24enne fermato per guida in stato di ebbrezza

Civitavecchia – Nel fine settimana sono stati effettuati servizi straordinari di controllo del territorio nel comune di Civitavecchia ed in quelli limitrofi, al fine di verificare eventuali assembramenti, il rispetto del distanziamento sociale e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale nelle attività attualmente consentite dal Decreto legge in vigore dal 7 aprile.

Hanno partecipato, insieme agli agenti del Commissariato di Polizia di Civitavecchia, delle Sezioni Operative della Questura di Roma, del Reparto Mobile e del Reparto Prevenzione Crimine del Lazio, i militari della Compagnia Guardia di Finanza di Civitavecchia e gli Agenti della Polizia Locale dei comuni interessati.

Nel corso dei servizi sono state controllate più di 280 persone, 140 veicoli ed 11 esercizi commerciali.

Durante i servizi sono stati eseguiti numerosi posti di controllo e sono state elevate 9 infrazioni al codice della strada.

Gli agenti delle volanti del Commissariato di viale della Vittoria, diretto da Paolo Guiso, hanno denunciato in stato di libertà un giovane italiano, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Il ragazzo è stato trovato in possesso di 22 “sigarette” confezionate con hashish ed un bilancino di precisione.

Un altro ragazzo è stato denunciato invece, per guida in stato di ebbrezza, oltraggio, resistenza e minacce a Pubblico Ufficiale. Il giovane, al quale gli agenti avevano intimato l’alt su viale Garibaldi, è riuscito ad allontanarsi prima di essere bloccato da un’altra pattuglia delle volanti in via Buonarroti. Durante il controllo, il 24enne che ha ripetutamente insultato e minacciato gli agenti, è risultato avere un tasso alcolemico pari a 2,24 gr/l, pertanto gli è stata ritirata la patente di guida.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.


Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Civitavecchia
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Civitavecchia