Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Emergenza Covid: la fondazione Molinari Onlus vicina alle scuole di Civitavecchia

La fondazione dona 15 case pc ricondizionati agli istituti scolastici di Civitavecchia.

Civitavecchia – Oggi più che mai le scuole di tutta Italia necessitano di computer per la formazione a distanza e l’educazione digitale degli studenti. E’ importante quindi avere una disponibilità di strumenti tecnologici adeguati che possano far fronte alle nuove emergenze didattiche e tecnologiche; per questo la Fondazione Angelo e Mafalda Molinari Onlus ha deciso di donare agli Istituti Comprensivi di Civitavecchia 15 case pc ricondizionati con sistema operativo Windows 10.

“Il nostro obbiettivo, come Fondazione, – dichiara Inge Molinari, presidente – è quello di contrastare le disuguaglianze educative. Ad un anno dall’inizio della Dad, si evince che uno dei grossi problemi riscontrati è la scarsa dotazione tecnologica nelle case e nelle scuole. Lo scorso anno abbiamo donato dei tablet, quest’anno abbiamo scelto di sostenere le scuole della città con dei pc fissi che potranno risultare utili anche in futuro”.

Contrastare la povertà educativa rappresenta una priorità per il futuro del nostro paese, l’emergenza sanitaria in corso ha inasprito molto le disuguaglianze: con le limitazioni imposte per contenere la pandemia e la brusca sospensione delle attività scolastiche, i più piccoli rischiano di pagare il prezzo più alto. La povertà educativa e l’abbandono scolastico comprometteranno il futuro dei giovani e del paese se non verranno contrastati con adeguate forze e risorse.

“Ci stiamo muovendo anche attraverso il progetto di promozione alla lettura nell’infanzia “Se leggo io…leggi anche tu” finanziato dal MIC e dal Centro per il Libro e la Lettura e che ha come capofila Il Ponte – dichiara Mario Molinari – perché crediamo che dalla lettura dipendano lo sviluppo intellettuale, sociale ed economico delle comunità. Leggere permette ad ogni bambino ed adulto di mettersi al riparo dal dilagante fenomeno dell’analfabetismo funzionale.”