Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Caos al Comune di Ardea, “Non puoi entrare”: il vigilante vieta l’accesso a Tarantino

Sul luogo sono intervenuti i Carabinieri di Ardea, chiamati dalla Consigliera, per riportare l'ordine davanti alla sede di via Salvo D'Acquisto

Ardea – Caos al Comune di Ardea, dove questa mattina il vigilante, con l’incarico di controllare l’accesso delle persone all’interno degli uffici, ha vietato alla Consigliera Comunale di Cambiamo Anna Maria Tarantino di entrare nella sede.

“Non puoi entrare”: queste le parole del vigilante, che ha affermato di aver preso ordini dal Presidente del Consiglio Lucio Zito di non far entrare nessuno all’interno degli uffici. A nulla sono valse le spiegazioni della Consigliera che ha tentato di spiegare al vigilante il suo ruolo politico e le sue motivazioni per entrare.

A quel punto la Consigliera ha chiamato i Carabinieri della locale tenenza, che sono prontamente intervenuti e la situazione si è stabilizzata, sotto gli occhi di dipendenti e altri politici. Tarantino è stata fatta accedere in sede. Si è trattato di un malinteso, ma la Consigliera è pronta a presentare un esposto ai Carabinieri per quanto accaduto oggi al Comune.

“Solo grazie ai Carabinieri mi è stato possibile entrare in Comune”, ha detto la consigliera Tarantino. “E’ ridicolo come io sia stata bandita dalla sede comunale da una guardia giurata che due giorni prima mi aveva fatto passare”.

“Ai carabinieri ha riferito il nome di chi ha imposto il veto sulla mia persona. E’ ridicolo che per fare il consigliere comunale oggi venga usato questo comportamento infantile, rancoroso e vendicativo, solo perché sono uscita dal Movimento 5 Stelle. Sono e resto un consigliere comunale.

Sono e resto una cittadina di Ardea e non credo che questo debba essere il comportamento che un’amministrazione trasparente può offrire. La guardia giurata che presta servizio in Comune, pagata dai cittadini, ha riferito ai carabinieri che espressamente io non potevo accedere, quando cinque minuti prima erano entrati altri due consiglieri comunali.

E’ un modo di comportarsi che conosco perfettamente, tipico dell’amministrazione Savarese. Forse sono troppo scomoda e dico troppe verità”, conclude Tarantino.

Palozzi, Abruzzese e Giordani: “Una vicenda di una gravità inaudita”

“Vogliamo esprimere la nostra più sentita vicinanza alla consigliera comunale di Ardea ed esponente di Cambiamo, Anna Maria Tarantino, che nella giornata di oggi si è vista negare l’accesso al Comune per l’espletamento delle proprie attività istituzionali”. Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio ed responsabile nazionale Organizzazione di Cambiamo con Toti, Adriano Palozzi, il responsabile del comitato promotore Cambiamo Lazio, Mario Abbruzzese, e il responsabile del comitato promotore Cambiamo Provincia di Roma, Massimiliano Giordani.

“E solo dopo alcuni minuti, in seguito ad una chiamata della Tarantino ai Carabinieri, dal municipio le è stato consentito l’ingresso. Siamo di fronte a una vicenda di una gravità inaudita, antidemocratica, che stigmatizziamo con assoluta fermezza.

Che si tratti di qualche mezzuccio autoritario – proseguono – da parte della amministrazione grillina di Ardea per mettere il bavaglio a chi, eletto dai cittadini, fa opposizione con competenza e professionalità? O una vendetta politica spicciola ai danni della Tarantino, per aver lasciato a suo tempo il Cinque Stelle ed essere approdata in Cambiamo? Quello che è certo è che su questa inaccettabile vicenda deve essere fatta immediata chiarezza. Al contempo, rinnoviamo la nostra solidarietà all’amica Anna Maria, fortemente segnata dall’accaduto”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ardea
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Ardea