Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Latina2021, Coletta non si ferma e allarga la coalizione

Si chiama "Latina futura" la lista civica, con un occhio green e progressista, che sosterrà Coletta insieme a "Lbc" e al Pd

Latina – E’ un clima politico particolare quello che si respira nell’indomabile capoluogo pontino. Se, da una parte, infatti, a Latina la destra ancora latita (nonostante avesse “promesso” di svelare entro Natale il nome del proprio candidato sindaco leggi qui) e l’intera campagna elettorale, complice il Covid, fatica a spiccare il volo, c’è un uomo che non si ferma.

E’ Damiano Coletta, attuale Primo cittadino di Latina. Lui, l’uomo che ha sfidato il Pd di Moscardelli, ufficializzando la sua candidatura (con la sola Lbc a sostenerlo, inizialmente) affermando di essere disposto al dialogo, ma non a mettere in discussione la propria leadership (leggi qui).

La coalizione si allarga, dopo il Pd arriva “Latina futura”

Ma perché Coletta non si ferma? Perché, a sostegno della sua candidatura, oltre a “Latina bene comune” (la lista con cui vinse nel 2016) e al Pd, si sta per aggiungere un nuovo tassello che andrà ad ampliare quel campo largo democratico di cui si è voluto fare volto e portavoce (e che, secondo voci di corridoio, è destinato a crescere ancora).

Si chiamerà “Latina futura” e sarà una lista civica, con un occhio green e progressista (la lista trova le sue radici nel Partito socialista e sarà operativa da inizio maggio) avrà il duplice scopo di “raccogliere” i voti di chi crede nell’operato di Coletta, ma non si riconosce né in Lbc né nel Pd locale e di stringere il perimetro entro cui potrà muoversi Antonio Bottoni, al momento, suo unico sfidante con la lista civica “Siamo Latina” (leggi qui).

Coletta, quindi, continua la sua marcia. L’obiettivo è quello di non farsi trovare impreparato. Qualsiasi siano gli avversari e qualsiasi sia la loro “ricetta” per vincere.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Latina