Seguici su

Cerca nel sito

25 aprile: le Frecce Tricolori sorvolano Roma, Draghi e Mattarella all’Altare della Patria fotogallery

La deposizione della corona d’alloro in occasione del 76esimo anniversario della Liberazione. Il richiamo del capo dello Stato a "rinascita, unità, coesione"

Roma – Al via le celebrazioni per il76esimo anniversario della Liberazione. Oggi 25 aprile il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha reso omaggio all’Altare della Patria con la deposizione di una corona d’alloro. Ad accompagnarlo i presidenti del Senato e della Camera, Elisabetta Casellati e Roberto Fico; del Consiglio, Mario Draghi; della Corte costituzionale Giancarlo Coraggio; il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, il capo di stato maggiore della difesa, Enzo Vecciarelli.

festa liberazione 25 aprile 2021 frecce tricolori roma

Lo scorso anno, a causa del lockdown, la cerimonia non si svolse e il capo dello Stato si recò da solo all’Altare della Patria, per ricordare comunque l’anniversario. A concludere la celebrazione di questa mattina il passaggio delle Frecce Tricolori.

“Il difficile momento che stiamo vivendo limita le modalità di celebrazione ma desidero con uguale intensità, in questo 25 aprile, Festa della libertà di tutti gli italiani, ricordare il sacrificio di migliaia di connazionali che hanno lottato nelle fila della Resistenza e combattuto nelle truppe del Corpo italiano di liberazione, di quanti furono deportati, internati, sterminati nei campi di concentramento e delle donne e degli uomini di ogni ceto ed estrazione che non hanno fatto mancare il loro sostegno, pagando spesso duramente la loro scelta”, ha scritto Mattarella in un messaggio alle associazioni combattentistiche e d’Arma in occasione del 76esimo anniversario della Liberazione.

“Nell’onorare il ricordo di quanti sono stati protagonisti della conquista della libertà e della democrazia, rivolgo ai rappresentanti delle Forze Armate, delle Associazioni combattentistiche, d’Arma e partigiane, il saluto di tutti gli italiani, riconoscenti – afferma il Capo dello Stato – per l’instancabile opera volta a mantenere vivi gli ideali di abnegazione, spirito di sacrificio e democrazia simboleggiati dal tricolore. Viva la Liberazione, viva la Repubblica”.

E ancora: “Rinascita, unità, coesione, riconciliazione nella nuova Costituzione repubblicana, furono i sentimenti che guidarono la ricostruzione nel dopoguerra e che ci guidano oggi verso il superamento della crisi determinata dalla pandemia che, oltre a colpirci con la perdita di tanti affetti, mette a dura prova la vita economica e sociale del Paese. Ora più che mai è necessario rimanere uniti in uno sforzo congiunto che ci permetta di rendere sempre più forti e riaffermare i valori e gli ideali che sono alla base del nostro vivere civile, quel filo conduttore che, dal Risorgimento alla Resistenza, ha portato alla rinascita dell’Italia”.

Draghi: “Noi italiani non fummo tutti brava gente”

“Nell’onorare la memoria di chi lottò per la libertà, dobbiamo anche ricordarci che noi italiani non fummo tutti brava gente. Dobbiamo ricordare che non scegliere è immorale, significa far morire un’altra volta chi mostrò coraggio davanti agli occupanti e ai loro alleati e sacrificò se stesso per consentirci di vivere in un Paese democratico”. Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, visitando il Museo della Liberazione di via Tasso in occasione della celebrazione del 25 aprile.

“La senatrice Liliana Segre -ha ricordato il premier- ha voluto che la scritta indifferenza fosse messa all’ingresso del Memoriale della Shoah di Milano, per ricordarci che insieme ai partigiani e ai combattenti per libertà vi furono molti che si voltarono dall’altra parte, in cui, come dice lei, è facile, più facile far finta di niente”.

“Il dovere della memoria riguarda tutti, nessuno escluso. Assistiamo oggi, spesso sgomenti, ai segni evidenti di una progressiva perdita della memoria collettiva dei fatti della Resistenza, sui valori della quale si fondano la Repubblica e la nostra Costituzione, e a troppi revisionismi riduttivi, fuorvianti. Ecco perché questa ricorrenza non deve invecchiare, non deve subire l’usura del tempo”, ha detto ancora Draghi sottolineando: “Questo è un luogo simbolo della nostra memoria nazionale. Via Tasso evoca, anche nei ricordi familiari, l’orrore dell’occupazione nazista, la ferocia delle dittature. Nel momento in cui anche i musei riaprono, mi auguro che, con le necessarie precauzioni, molti giovani abbiano l’opportunità di visitare queste stanze, di conoscere le storie di tanti combattenti per la libertà, che qui sono stati torturati, uccisi; di capire fino in fondo il senso del loro sacrificio. E di comprendere che senza il loro coraggio oggi non avremmo le libertà e i diritti di cui godiamo, libertà e diritti che non sono conquistati per sempre e non sono barattabili con nulla. Sono più fragili di quanto non si pensi”.

“E’ nella ricostruzione del presente, di un presente in cui il ricordo serve a dirci quel che non vogliamo ripetere, che avviene la riconciliazione. E’ la ricostruzione basata sulla fratellanza, sulla solidarietà, sull’amore, sulla giustizia, che porta alla riconciliazione”, ha affermato poi il premier aggiungendo: “Constatiamo con preoccupazione l’appannarsi dei confini che la storia ha tracciato tra democrazie e regimi autoritari, qualche volta persino tra vittime e carnefici. Vediamo crescere il fascino perverso di autocrati e persecutori delle libertà civili, soprattutto quando si tratta di alimentare pregiudizi contro le minoranze etniche e religiose”.

“Il linguaggio d’odio, che sfocia spesso nel razzismo e nell’antisemitismo, contiene sempre i germi di potenziali azioni violente. Non va tollerato, è una malapianta, che genera consenso per chi calpesta libertà e diritti, quando fosse un vendicatore di torti subiti. Ma diffonde soprattutto il veleno dell’indifferenza e dell’apatia”, ha quindi detto. (fonte Adnkronos, foto Ufficio Stampa Quirinale)