Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Bar e ristoranti in zona gialla: orari, tavoli all’aperto e coprifuoco. Tutte le regole

Dal 26 aprile sono consentiti pranzo e cena all'aperto. Ma si può prendere il caffè al banco? Ecco cosa dice il nuovo decreto

Roma – Torna la zona gialla da oggi, 26 aprile, con nuove regole per bar e ristoranti, aperti a pranzo e a cena purché all’aperto. La novità, fermo restando il coprifuoco alle 22, riguarda le regioni gialle – da Lombardia a Lazio, da Emilia Romagna a Veneto, da Campania a Toscana – che rappresentano la zona più ampia d’Italia. Le regole prevedono che si possa stare soltanto seduti al tavolo, massimo quattro persone, a meno che non si tratti di conviventi. La distanza è fissata a un metro. Dal primo giugno, soltanto in zona gialla, i ristoranti potranno restare aperti anche al chiuso dalle 5 alle 18. Si potrà stare soltanto seduti al tavolo, massimo quattro persone, a meno che non si tratti di conviventi.

Nelle ultime ore, nel dibattito sul coprifuoco si è innescata anche una discussione sulla possibilità di rimanere a cena fino alle 22, come suggerito dalle dichiarazioni della ministra Mariastella Gelmini al Messaggero: “C’è stata qualche polemica sul coprifuoco e sulla difficoltà per i ristoratori ad erogare i propri servizi la sera. Ma voglio chiarire un punto: chi va a cena fuori può stare tranquillamente seduto al tavolo fino alle 22 e poi, una volta uscito dal locale, far ritorno a casa senza alcun rischio di ricevere sanzioni”, le parole della ministra. A stretto giro, ha replicato il sottosegretario Carlo Sibilia.

“La legge e la circolare del Viminale è chiara e ora prevede il ritorno a casa proprio alle 22, anche per chi cena all’aperto. Se c’è qualcosa da dire sugli aspetti di sicurezza non è il caso lo faccia il Ministro degli Affari regionali. In Italia l’unica voce credibile e autorità competente in questo senso è quella del Ministro dell’Interno. Evitiamo pertanto interpretazioni personali che possano creare confusione tra i cittadini e mettere in difficolta le forze dell’ordine. Il coprifuoco al momento è alle 22“.

Dopo il decreto, è arrivata la circolare del Viminale che ha chiarito regole specifiche per i bar. E’ consentito il servizio ai tavoli all’aperto e anche al banco solo “in presenza di strutture che consentano la consumazione all’aperto”. Altrimenti, solo servizio ai tavoli e asporto, ammesso fino alle 18.

Rimangono invariate le regole un zona arancione e rossa, dove bar e ristoranti possono effettuare l’asporto di cibo e bevande (fino alle 18 dai bar e fino alle 22 da enoteche, vinerie e ristoranti). È sempre consentita la consegna a domicilio di cibo e bevande. (fonte Adnkronos)