Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Morte Filippo Mondelli, Abbagnale: “Difficile trovare le parole, siamo sgomenti”

Il Presidente della Federcanottaggio ricorda il campione del mondo. Con lui Malagò e i compagni di Nazionale dell’atleta delle Fiamme Gialle

Ce ne sono già tanti sui social e altri probabilmente se ne aggiungeranno nelle prossime ore, ma l’affetto per Filippo Mondelli, campione mondiale di canottaggio nel 2018, non si fermerà, né oggi, né domani, né tra un po’ di tempo.

Ciò che emerge dai messaggi scritti sui social mischiati ai ricordi espressi e dalle parole dedicate da chi lo ha conosciuto (dai compagni di squadra in Nazionale e nelle Fiamme Gialle) è sempre uno: Zio Filip, come veniva affettuosamente chiamato nel mondo  gialloverde, era un bravo ragazzo. Una grande persona. E un guerriero. Un coraggioso che ha saputo guardare in faccia la malattia che lo aveva colpito due anni fa.

Era stato da poco eletto al Consiglio Nazionale del  Coni, in quota atleti, e sognava Mondelli di ritornare nel suo amato mondo dello sport. Nessuno sa come tira il destino a volte, spara le cartucce e forse solo la fortuna guida vite ed epiloghi. Resta il suo ricordo adesso. Adesso che ha chiuso per sempre  gli  occhi Filippo e adesso che nelle anime rimbomba il dolore mischiato a preghiere verso il cielo. Se n’è andato a Cernobbio questo pomeriggio. Era stato colpito da osteosarcoma ed era stato operato a Bologna un anno fa. Aveva incontrato recentemente l’allenatore della squadra di  calcio rossoblu  Sinisa Mihailovic e si erano scambiati confidenze e promesse di vita. E aveva ricevuto una dedica speciale dal quattro di coppia campione europeo di Varese.

Dal presidente  del  Coni Giovanni Malagò, al numero uno della Federcanottaggio Giuseppe Abbagnale, fino alle Fiamme Gialle, la squadra militare di appartenenza che per mesi non ha fatto mai mancare appoggio e incoraggiamento a Filippo e ad alcuni compagni di Nazionale come Vincenzo Abbagnale e Marco Di Costanzo. Non si ferma l’affetto per Mondelli e oggi lo sport piange un figlio. Un campione mondiale che sognava di partecipare alle Olimpiadi. Si era qualificato per Tokyo nel 2018, con la vittoria dell’oro iridato. Si dice in questi casi: ha perso la sua battaglia più importante. Ma ha vinto se è rimasto nel cuore di molti. Quaggiù, con gli occhi fissi al cielo. A cercare il sorriso di Filippo nei raggi del sole.

Ciao Filippo.

Valentina Vezzali: “Addio Filippo, oggi lo sport azzurro piange e ricorda il tuo sorriso pieno di vita. Grazie per aver onorato il nostro Paese ed aver portato il tricolore sul tetto del Mondo. Sono vicina alla famiglia, alle Fiamme Gialle ed al mondo del canottaggio italiano”.

Giovanni Malagò, presidente del Coni: “Le parole non bastano, il dolore non si racconta. Fa male ma non vince. Sarai ancora tu a farlo, rimanendo eternamente con noi. Con il tuo esempio unico e il tuo coraggio inimitabile. Lo sport piange un uomo speciale, campione per sempre. Ciao, Filippo!”.

Le Fiamme Gialle scrivono sul sito ufficiale del Gruppo Sportivo: “Zio Filip, così lo chiamavano gli amici, ha lasciato un segno che resterà per sempre indelebile nei cuori di tutti quelli che gli hanno voluto bene e lo ricorderanno come il gigante buono capace di essere campione, un guerriero e un ragazzo d’oro. I dirigenti, i tecnici e gli atleti delle Fiamme Gialle si stringono in un affettuoso abbraccio alla sua famiglia ed esprimono le più sentite condoglianze”.

Giuseppe Abbagnale, presidente della  Federazione Italiana Canottaggio, Facebook: “Difficile trovare le parole in questo momento, caro Filippo. Mi cullerò ancora una volta con questo tuo abbraccio, pieno di affetto e trasporto..”.

Sergio Forte, coach di atletica delle Fiamme Oro: “Voglio ricordarti così, braccia al cielo in segno di vittoria. Sei stato un esempio per tutti. Addio Pippo”.

Mario Paonessa, canottiere della Nazionale azzurra: “Voglio ricordarti così! Hai insegnato a tante persone cosa significa “non mollare mai”. Addio Zio Filippo Mondelli”.

Marco Di Costanzo, canottiere della Nazionale azzurra: “A presto amico mio. Ho avuto il piacere di remare  con te, ma soprattutto di averti come compagno di stanza e in ogni posto ci vorrebbe un po’ di te. Ci mancherai, sarei sempre con noi. Ciao Pippo”. (immagine del profilo Facebook con una foto celebrativa partita dalla Federcanottaggio)

Coni Twitter: “Un campione dentro e fuori dall’acqua, un esempio di capacità e di coraggio. Uomo che rema. Lo sport italiano piange la prematura scomparsa del canottiere Filippo Mondelli. Ciao Filippo, non ti dimenticheremo mai!”. Comunicato del Coni: “Lo sport italiano, attonito, piange la prematura scomparsa di Filippo Mondelli”. “Il Presidente del Coni, Giovanni Malagò, profondamente addolorato, – insieme alla Federcanottaggio e al presidente Abbagnale – a nome della Giunta, del Consiglio Nazionale e di tutto il movimento si unisce al cordoglio della famiglia per la perdita di un grande campione, dentro e fuori dall’acqua, un esempio di capacità e di coraggio, portabandiera speciale dei valori che rendono grande il mondo sportivo”.

Attilio Fontana, governatore della Lombardia:  “Dolore e tristezza, nel manifestare il cordoglio e la vicinanza dell’intera Giunta regionale, ci stringiamo ai familiari e ai cari di Filippo. Porteremo nel cuore il suo ricordo e le sue imprese sportive”.

World Rowing Twitter: “Siamo molto dispiaciuti di apprendere della scomparsa di Filippo Mondelli Bandiera italiana. Filippo è stato membro della Nazionale Italiana di Canottaggio per molti anni e ha vinto molti titoli in eventi internazionali. Il nostro cuore va a @ canottaggio1888 e all’intera comunità di canottaggio”.

Sport e Salute Twitter: “Ciao Filippo. Sport e Salute, con commozione, saluta il campione di canottaggio e consigliere nazionale del Coni Filippo Mondelli scomparso a soli 26 anni e si stringe alla sua famiglia”.

Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia: “Dopo una lunga battaglia contro una grave malattia, ci ha lasciato oggi il canottiere Filippo Mondelli, campione del mondo nel 2018. Lo sport azzurro piange un giovane atleta. La mie condoglianze alla famiglia, ai suoi amici e alle Fiamme Gialle di cui faceva parte”.

Franco Frattini, ex ministro degli esteri e membro del  Consiglio di Stato: “Morto a soli 26 anni Filippo Mondelli, ex campione del mondo di canottaggio . Dolore grandissimo, un bravo ragazzo e eccezionale campione”.

Pallacanestro Cantù: “Profondamente sconvolta per la prematura scomparsa del canottiere comasco Filippo Mondelli, Pallacanestro Cantù si unisce al cordoglio della famiglia. L’ex campione del mondo, medaglia d’oro 2018, avrebbe compiuto 27 anni il prossimo 18 giugno”.

Vincenzo Abbagnale, canottiere della Nazionale azzurra: “Se ne va una delle persone più forti, che abbia mai conosciuto, ma prima ha dimostrato di essere il numero uno”.

Margherita Magnani, ex atleta dei 5000 metri piani delle Fiamme Gialle: “Riposa in pace”

Mimmo Perna, fotografo ufficiale della Federazione Italiana Canottaggio: “..è solo un arrivederci, Pippo! Grazie per le gioie e i sorrisi che ci hai regalato”

Elena Coletti, canottiere della Nazionale azzurra: “Quanto è ingiusta la vita..”

Italia Team Facebook: “Sarai sempre con noi. Ciao Filippo”

Sergio Forte, coach di atletica delle Fiamme Oro: “Voglio ricordarti così, braccia al cielo in segno di vittoria. Sei stato un esempio per tutti. Addio Pippo”.

Mario Paonessa, canottiere della Nazionale azzurra: “Voglio ricordarti così! Hai insegnato a tante persone cosa significa “non mollare mai”. Addio Zio Filippo Mondelli”.

(foto@MimmoPerna)

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport