Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

La Nazionale di calcio sottoposta al vaccino, Immobile: “Importante farlo, ringrazio i medici”

Gli azzurri divisi in due gruppi. Entro il 24 maggio dovranno essere immunizzati

Roma – E’ iniziata la campagna vaccinale per gli sportivi italiani, in vista delle competizioni internazionali delle prossime settimane. Mentre l’Italia Team Olimpica e Paralimpica attende di sottoporsi alla profilassi (per gli atleti qualificati non ancora vaccinati e quindi non militari), in vista dei Giochi di luglio e settembre, anche la Nazionale di calcio si sottopone al vaccino anti Covid.

E’ partito ieri il giro delle vaccinazioni per gli azzurri, che parteciperanno agli Europei. Sono stati disposti due gruppi, per organizzare al meglio la vaccinazione. Per chi gioca con le squadre in Italia del nord, la sede predisposta è quella dell’Humanitas di Milano, mentre per i calciatori che giocano al centro e al sud Italia, del giro della Nazionale, l’ospedale prescelto è quello dello Spallanzani. Si è sottoposto alla prima dose di vaccino, lo Pfizer, con richiamo tra tre settimane e per tutti gli azzurri, anche l’attaccante della Lazio Ciro Immobile: “Ringrazio tutti i sanitari che ci stanno vaccinando – ha detto ai microfoni di SkySport immediatamente dopo la vaccinazione – invito tutti a capire che è fondamentale. Un grazie anche al Governo e alla Federcalcio”.

L’11 giugno Immobile e compagni scenderanno in campo per la partita inaugurale contro la Turchia. Allo Stadio Olimpico ci sarà il 25% del pubblico, come deciso dal Governo. Un margine di normalità che apre le porte al futuro. E il vaccino è importante anche per questo, per ristabilire una normalità, desiderata da tutti: “E’ importante – prosegue Immobile – spero presto potranno farlo tutti”.

La prima dose di vaccino è destinata ai nomi di una lista scritta direttamente dal commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini. Circa 35 giocatori sicuri che parteciperanno alla competizione continentale. Entro il 24 maggio, con raduno in Sardegna, il mondo della Nazionale azzurra, giocatori e staff tecnico, dovrà essere immunizzato. Quindi, è importante vaccinare in questi giorni i calciatori azzurri per poter terminare la profilassi in tempo per l’Europeo.

Il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina ha detto, all’uscita dallo Spallanzani: “Grazie al Governo per aver consentito lo svolgimento di alcune gare degli Europei in Italia e per averci consentito di farlo con la massima sicurezza, sia per gli atleti impegnati che per tutti coloro che vorranno vivere da vicino l’evento. Secondo l’elenco presentato da Roberto Mancini, sono stati vaccinati 11 calciatori a Roma e 17 a Milano. Questo numero si restringerà quando invieremo la lista ufficiale all’Uefa. Grazie anche al commissario Figliuolo e al dottor Vaia per la disponibilità mostrata”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport