Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Covid-19, via libera alle visite nelle Rsa il Ministro firma l’ordinanza: le regole

Ordinanza del ministro Speranza valida fino al 30 luglio. Green Pass per accedere nelle strutture e regole anche per gli abbracci

Roma – Via libera alle visite nelle Rsa, con misure e regole. “Ho appena firmato l’ordinanza che consentirà le visite in piena sicurezza in tutte le Rsa. Ringrazio le Regioni e il Comitato tecnico scientifico” per l’emergenza Covid “che hanno lavorato in sintonia con il ministero della Salute per conseguire questo importante risultato. E’ ancora necessario mantenere la massima attenzione e rispettare le regole e i protocolli previsti, ma condividiamo la gioia di chi potrà finalmente rivedere i propri cari dopo la distanza indispensabile per proteggerli” annuncia su Facebook il ministro della Salute, Roberto Speranza.

“Finalmente superiamo anche il lockdown degli affetti – afferma in una nota Mariastella Gelmini, ministra per gli Affari regionali e le autonomie – Adesso ci sono le condizioni affinché si possa consentire ai degenti vaccinati delle Rsa di ricevere visite, tanto più che in quelle strutture il personale sanitario è tutto già immunizzato. Con l’ordinanza del Ministero della Salute e con i protocolli definiti dal Comitato tecnico scientifico e dalle Regioni i nostri anziani saranno presto meno soli. Un altro importante passo verso un ritorno graduale alla normalità”.

Green pass

Green Pass alla mano per accedere nelle Rsa e poter finalmente rivedere i propri anziani, dopo mesi di distanza forzata dettata dalla pandemia. L’ordinanza, che ha come data in calce quella di oggi, sabato 8 maggio, vigilia della Festa della mamma, avrà “effetto immediato”, precisano dal ministero della Salute.

Come si legge nel testo, infatti, entra in vigore dal momento della sua adozione e resterà valida fino al 30 luglio 2021. Uno dei punti salienti è proprio il Green Pass: al terzo comma dell’articolo 1 viene spiegato che i familiari e i visitatori, al momento dell’accesso, dovranno esibire esclusivamente agli incaricati delle verifiche (nel rispetto delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali) le “certificazioni verdi Covid-19”, previste dal decreto legge del 22 aprile.

Un concetto ribadito anche nel documento che detta le Modalità di accesso/uscita di ospiti e visitatori in queste strutture. I Green Pass, viene spiegato, “possono essere un utile strumento di orientamento alla regolamentazione delle visite e delle uscite programmate, compatibilmente con la situazione locale e con la specificità di servizi e strutture che possono accogliere utenti con diverso grado di fragilità e rischio di trasmissione infettiva”. Viene puntualizzato anche che “il possesso e la presentazione delle certificazioni verdi non sostituisce il rispetto delle misure di prevenzione e contrasto della diffusione del contagio né l’interruzione di programmi di screening ove previsti”.

L’ordinanza disciplina l’accesso di familiari e visitatori a strutture di ospitalità e lungodegenza, residenze sanitarie assistite, hospice, strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, autosufficienti, e strutture residenziali socio-assistenziali. Accesso, si legge nel testo, consentito nel rispetto del documento che detta le Modalità di accesso e uscita, adottato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, come integrato e validato dal Comitato tecnico scientifico per l’emergenza coronavirus. Documento che costituisce parte integrante dell’ordinanza.

Al comma 2 dell’articolo 1 si precisa che “il direttore sanitario o l’autorità sanitaria competente, in relazione allo specifico contesto epidemiologico, possono adottare misure precauzionali più restrittive necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione”.

Massimo due visitatori per ospite

“Gli accessi devono riguardare di norma non più di due visitatori per ospite per visita, identificati dall’ospite o, in caso di sua incapacità certificata, identificati nella sfera di relazione/affetti dell’ospite stesso e per una durata definita per favorire anche frequentemente le visite a tutti coloro che vengono autorizzati” si legge nel documento.

“In specifiche condizioni cliniche/psicologiche (a titolo esemplificativo, ma non esaustivo: nelle fasi del fine vita, in caso di utenti minori, depressione grave, deterioramento cognitivo, specifiche disabilità psichiche o sensoriali, gravissime disabilità, stati vegetativi ecc.) – si precisa – è possibile valutare l’alternanza di più visitatori individuati specificatamente, così come per eventuali caregiver, anche per frequenze e durate superiori a quanto ordinariamente previsto”.

Nel documento si definisce inoltre “sconsigliato l’accesso ai minori di 6 anni per i quali non sia possibile garantire il rispetto delle misure di prevenzione”.

Spazi aperti

“In presenza di condizioni climatiche favorevoli, vanno sempre privilegiati gli incontri in spazi aperti e allo scopo dedicati” si legge nel documento. “Deve essere vigilato l’adeguato distanziamento tra visitatore e ospite – si precisa – e quello fra gruppi familiari diversi contemporaneamente presenti, previa valutazione della configurazione degli spazi esterni e della loro superficie, per calcolare il numero massimo di visite ammissibili contemporaneamente, avendo cura di garantire riservatezza e intimità a familiari e ospiti”. Inoltre “deve essere garantita, per quanto possibile, la separazione fra gli spazi esterni utilizzabili per le visite e quelli utilizzati per altre funzioni o da soggetti presenti a diverso titolo nella struttura”.

Uscite e rientri

Nel documento si legge poi che “tenuto conto della rilevanza ai fini del progetto assistenziale e del benessere psicosociale dei residenti, va garantita la possibilità di uscite programmate degli ospiti e rientri in famiglia”.

“L’uscita programmata degli ospiti dalle proprie strutture – si precisa – richiede una specifica regolamentazione da parte delle Direzioni sanitarie/Responsabili medici/Referente Covid-19, ovvero dello specialista di riferimento o del medico curante in accordo con la Direzione della struttura”.

Mascherine Ffp2 per visitatori e ospiti

“Il familiare/visitatore – si legge ancora – deve sempre effettuare l’igiene delle mani all’ingresso e all’uscita dalla struttura e indossare sempre e correttamente i dispositivi di protezione individuale in base al livello di rischio (almeno Ffp2 o superiore). Laddove possibile”, inoltre, “compatibilmente alle condizioni cliniche e tollerabilità”, anche “l’ospite indosserà i dispositivi di protezione delle vie aeree in base al livello di rischio (almeno Ffp2 o superiore)”.

Le visite devono essere organizzate in modo da “evitare assembramenti di persone – si precisa – e deve essere assicurato il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra visitatori (estendibile fino a 2 metri in base allo scenario epidemiologico di rischio), ad eccezione dei componenti dello stesso nucleo familiare o conviventi o per le persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale (detto aspetto afferisce alla responsabilità individuale)”.

Regole anche per gli abbracci

“Il contatto fisico tra visitatore/familiare e ospite/paziente può essere preso in considerazione in particolari condizioni di esigente relazionali/affettive. L’interazione con contatto fisico può avvenire esclusivamente tra familiare/visitatore in possesso della Certificazione verde Covid-19 e di ospite/paziente vaccinato o con infezione negli ultimi 6 mesi, fatte salve diverse motivate indicazioni della Direzione sanitaria ovvero del referente medico o del medico curante (es. ospite con controindicazione alla vaccinazione)”, specifica quindi l’ordinanza.

Visite a pazienti positivi: cosa fare

“Nel caso in cui all’interno delle strutture si riscontrasse la presenza di casi positivi” a Sars-CoV-2 “tra gli ospiti o il personale, l’accesso ai visitatori è consentito esclusivamente sulla base delle valutazioni della Direzione sanitaria (ovvero del referente medico/referente Covid-19 della struttura/altra figura di riferimento in base alla specifica organizzazione regionale) e comunque solo nell’ipotesi in cui venga garantita una netta separazione strutturale e/o organizzativa (es. aree completamente separate e con staff differenziato ovvero con soluzioni che garantiscano la separazione dei percorsi e dell’assistenza) delle attività dedicate agli ospiti Covid-19 positivi rispetto a quelle Covid-free”, si legge ancora nel documento.

“I gestori – si precisa – sono tenuti a trasmettere alle Asl o alle equivalenti articolazioni territoriali regionali le modalità organizzative adottate sulla base delle precedenti indicazioni, per consentirne la condivisione e le eventuali verifiche e attività di audit e formative/informative”.

Fedriga: “E’ il coronamento del lavoro Istituzionale”

”L’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza dà finalmente il via libera alle visite, in condizioni di sicurezza, nelle residenze sanitarie per anziani. È il coronamento di un importante e costante lavoro istituzionale della Conferenza delle Regioni”. Lo sottolinea il Presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga.

“Ringrazio per il lavoro fatto – prosegue Fedriga – gli assessori delle Regioni e il gruppo di lavoro Emergenza Covid che hanno scritto le Linee Guida, senza le quali questo risultato non sarebbe stato possibile. Anche in questa occasione abbiamo dimostrato – sottolinea il Presidente della Conferenza delle Regioni – quanto sia importante procedere in un’ottica di condivisione istituzionale e per questo proseguiremo a collaborare con il ministero della Salute e in generale con il Governo per continuare a proporre tutte le altre linee guida necessarie per far riaprire progressivamente e in condizioni di sicurezza tutte le attività. Dobbiamo – conclude Fedriga – uscire dalla crisi e ridare slancio e fiducia al Paese”. (fonte Adnkronos)