Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Tiani (Siap): “Le polemiche sui controlli del coprifuoco sono solo strumentali”

Il segretario: "Il quadro normativo è poco chiaro se non equivoco"

Più informazioni su

“Siamo stanchi delle reiterate sottolineature per i mancati controlli da parte delle forze di polizia per gli assembramenti spontanei specie nelle grandi città. Ciò detto respingiamo al mittente le inutili strumentali e nocive polemiche sul ruolo delle forze dell’ordine in tema di controlli per assembramenti anti-covid”. Lo afferma all’Adnkronos Giuseppe Tiani segretario generale Siap.

“Va chiarito in via preliminare che il quadro normativo in tema sanzionatorio non solo non fornisce strumenti normativi adeguati agli operatori delle forze di polizia ma in molti casi il dettato normativo è poco chiaro se non equivoco – aggiunge Tiani – creando non pochi problemi agli operatori di polizia e alle autorità provinciali di pubblica sicurezza, Prefetti e Questori ognuno per la parte di competenza. Inoltre è importante sottolineare come nel corso degli ultimi 15 anni sia cambiato il ruolo e la funzione dei vigili urbani trasformati in Polizia Locale cui compete l’onere dei controlli degli esercizi commerciali anche per il rispetto delle norme anti covid come appunto il coprifuoco alle 22″.

“Va detto che a fronte di un nuovo modello ordinamentale delle polizie locali non si è stati conseguenti con i livelli di equipaggiamento e formazione degli stessi un vulnus che certamente in questa fase non aiuta. E mi risulta che i colleghi della polizia locale in molte città italiane terminano il servizio alle 20:00 serve quindi una gestione e una organizzazione del lavoro diversa che sia adeguata alle nuove esigenze”. – sottolinea Tiani –

“Alle polizie nazionali spetta la gestione dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica dei cittadini nelle città e nelle province anche attraverso le diverse specialità della polizia stradale ferroviaria di frontiera. Le polemiche sui mancati interventi delle forze di polizia arrivano puntualmente da chi non conosce la complessità del nostro lavoro e le ricadute che possono avere scelte operative che potrebbero essere percepite come autoritarie, considerato tra l’altro che non sempre la polizia può intervenire in maniera coattiva sia per l’evidente sproporzione delle forze in campo tra centinaia di persone assembrate e 4 o 5 operatori sia per valutazioni di opportunità in quanto gli interventi coattivi considerato il clima sociale e le tensioni che lo attraversano farebbero scatenare una reazione di violenze a catena assolutamente inopportune”. – Conclude il Segretario Generale Siap.
Il Faro online – Clicca qui per leggere le notizie degli Interni.

Più informazioni su