Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Fregene, inaugurato il nuovo lungomare ma parte la protesta: “Distrutto l’ambiente” fotogallery

La nuova opera unifica per la prima volta l'intera lunghezza del lungomare della città, dividendo al contempo l'opinione pubblica

Fiumicino – Inaugurato e aperto al traffico il nuovo tratto del lungomare di Levante a Fregene, con la cerimonia che si è svolta nella mattinata odierna. La nuova viabilità rende per la prima volta uniforme e lineare le parte meridionale del lungomare fregenese, in precedenza spezzata dall’intersezione con via Cattolica. Questa intersezione, soprattutto durante la stagione estiva, ha costituto per anni un vero e proprio collo di bottiglia per il traffico del lungomare, anche a causa della larghezza ridotta della carreggiata (a doppio senso di scorrimento) e dalle vetture ivi parcheggiate.

L’opera oggi inaugurata include innanzitutto un ampio curvone lungo quasi un chilometro che unisce i due tratti del lungomare, allontanandosi prima e ricongiungendosi poi con la pista ciclabile che corre parallela alla spiaggia. Include anche una nuova strada di servizio per garantire l’accesso agli stabilimenti il cui ingresso non dà direttamente sul nuovo tratto principale e circa 200 nuovi parcheggi.

L’intervento non rappresenta solo un miglioramento della viabilità, ma anche una notevole riqualifica dell’area in termini di pulizia e decoro urbano. Un ampio marciapiedi accompagna il nuovo curvone asfaltato per tutta la sua lunghezza, puntellato di nuovi lecci disposti a intervalli regolari e da nuovi pali per l’illuminazione pubblica, prima totalmente assente nel tratto in questione.

La cerimonia di inaugurazione

Il nuovo tratto di lungomare è stato inaugurato con una cerimonia alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Fiumicino Esterino Montino, dell’assessore regionale ai Lavori pubblici Mauro Alessandri e del vicesindaco Ezio Di Genesio Pagliuca.

“Era un intervento – ha dichiarato il sindaco Montino – programmato nel piano regolatore di Roma fin dagli anni ’50. Oggi questa ferita viene finalmente rimarginata e inauguriamo un tratto di lungomare di Fregene di circa un chilometro che unisce il tratto di Ponente con quello di Levante, con una moderna viabilità e un restyling generale dell’area”.

“C’è grande collaborazione tra il Comune di Fiumicino e la Regione Lazio – ha commentato l’assessore regionale Alessandri – abbinando con senso pratico programmazione e realizzazione concreta delle opere. Mi congratulo con l’Amministrazione Montino, perché, non è cosa di tutti i giorni vedere arrivare a compimento la realizzazione di un’opera che mira al miglioramento della vita dei cittadini, così come avvenuto oggi a Fregene”.

Contestazioni e proteste

All’arrivo del Sindaco, lungo il percorso che lo ha portato fino al luogo dell’inaugurazione, un gruppo di residenti (e non solo) ha dato voce al proprio dissenso in merito alla macchia mediterranea rasa al suolo per consentire la realizzazione del nuovo tratto di lungomare e, in futuro, nuove strutture il cui progetto ufficiale non è stato ancora reso pubblico.

I manifestanti, riconoscendo la legittimità burocratica e legale dell’operazione, hanno espresso la propria contrarietà al progetto al grido di “vergogna”, sostenendo che il Sindaco si sarebbe dovuto opporre all’opera e salvaguardare gli ettari di macchia mediterranea abbattuti nello svolgimento dei lavori.

A capofila del gruppo di cittadini in protesta c’era Elena Pavinato che, intervistata dopo la cerimonia da ilfaroonline.it dichiara: “Non può esserci compensazione per un simile danno all’ambiente. Non contestiamo la legittimità legale o burocratica del progetto e sappiamo che, trattandosi di terreni privati con atti ormai siglati, il Comune non poteva davvero opporsi. Quello che però ci aspettavamo era che il nostro Sindaco e la sua amministrazione dichiarassero un chiaro dissenso nei confronti di un’opera così scellerata, anche si fosse trattato solo di un rifiuto simbolico”.

Area lungomare di Fregene senza macchia mediterranea

L’area adiacente al lungomare da cui è stata rimossa la macchia mediterranea

La replica del primo cittadino

In risposta a queste critiche il sindaco di Fiumicino ha ribadito la piena legittimità e regolarità dell’iter burocratico (che ha coinvolto la Regione Lazio) che ha portato prima all’approvazione e infine alla realizzazione dell’intervento, ma non solo. Il sindaco ha dichiarato infatti che “la parte inaugurata oggi da piano regolatore prevedeva più cubature, siamo arrivati ad un alleggerimento in accordo con la proprietà, dando priorità al sistema della viabilità” e ha difeso il piano di compensazione della macchia mediterranea perduta con l’espansione della pineta monumentale nel tratto adiacente a via Agropoli (nella parte nord di Fregene).

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Fiumicino
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Fiumicino