Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Atp Roma, Sonego lotta da gigante: ma è finale per Djokovic

La semifinale vinta dal serbo. Forti emozioni in un match in cui l’azzurro ha messo paura al numero uno al mondo

Roma – Una semifinale degna di questo nome e una delle più belle partite, che si siano mai giocate agli Internazionali d’Italia e ad accenderla e a renderla epica è stato il giovanissimo Lorenzo Sonego.

Di fronte al dio Nole, in ampi tratti di match in difficoltà di fronte alla rabbia agonistica e alle volè (due in partita) di Sonego, l’azzurro ha rischiato di andare in finale. Ha combattuto e ha messo in difficoltà Djokovic, che a un certo punto ha cambiato espressione del viso, come ad esprimere la grande sofferenza di gioco e la consapevolezza di avere di fronte un avversario durissimo. Il secondo set in pareggio 6-6 ha descritto perfettamente il carattere di questa partita. C’era Sonego a non mollare, a volere la finale di Roma con tutto se stesso, ad essere tifato da un pubblico a metà, ma presente e roboante. Tutti in campo con Sonego per fare l’impresa, in un incontro pieno di emozioni. E lui a fondo campo a rispondere, a battere servizi potenti e a correre dietro ogni palla. La battaglia sul rosso di Roma è durata quasi tre ore.

Ma alla fine ha vinto Djokovic che si è preso il terzo set. Stanco Lorenzo, ma tenace fino alla fine. Entrambi avevano nelle gambe ancora le gare dei quarti di finale giocate sul fare del pomeriggio. Il risultato finale a favore di un Nole provato al Centrale, ma pronto a giocarsi la sua nona finale a Roma con Rafael Nadal, domani alle 17 al Centrale, è stato di 6-3, 6-7,6-2: “Si deve fare la finale domani- dice Nole ai microfoni di SkySport – sono ovviamente molto contento di essere arrivato in finale. Ieri sera ero sotto di un break con Tsitsipas e oggi ho trovato una soluzione per vincere questa partita. Ho avuto due match point per vincere e ho lottato. Meritava Lorenzo. Ho chiuso la partita in modo positivo”. Si sono abbracciati in modo affettuoso i due tennisti al termine dell’incontro. Non si sa cosa Nole abbia detto a un Sonego carico fino alla fine, ma dal labiale si è capito. I suoi complimenti sono stati sinceri e sentiti. Sonego può puntare in cima. In altissimo.

(foto@InternazionaliBnlItaliaFacebook)

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport