Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Nuova pioggia di razzi nei cieli di Gaza e Tel Aviv: sfiorata la sede dell’Onu

Israele al momento non intende interrompere l'offensiva militare contro Hamas. L'operazione in corso proseguirà "per il tempo necessario", ha detto il premier israeliano Benjamin Netanyahu

Continua lo scontro fra Israele e i palestinesi. Nella notte Hamas ha lanciato una pesante offensiva con razzi da Gaza verso Israele, in particolare verso il centro e il sud del Paese.

tel aviv gaza

Su Twitter l’esercito israeliano ha dato conto della paura tra i civili: “Uomini, donne, bambini e anziani sono attualmente nei rifugi“. “Questa sera Hamas ha lanciato una raffica di razzi contro Israele centrale e meridionale”, ha twittato ancora l’account dell’esercito mostrando una foto del cielo illuminato da razzi e contraerea e sottolineando che il sistema di difesa aerea israeliano Iron Dome aiuta “a mantenere i cieli di Israele al sicuro”.

Dall’inizio del nuovo inasprimento del conflitto israelo-palestinese, sono 2.900 i razzi lanciati da Gaza verso Israele. Tra questi, 450 non hanno superato il territorio della Striscia di Gaza per difetti di fabbricazione o di lancio e altri 1.150 sono stati intercettati dal sistema di difesa contraerea israeliano Iron Dome. Lo ha reso noto il portavoce dell’esercito israeliano, aggiungendo che, solo nelle ultime 24 ore, Israele ha colpito a Gaza “90 obiettivi di Hamas e della Jihad Islamica”.

Una serie di pesanti bombardamenti sono arrivati da parte dell’esercito israeliano. “Ieri abbiamo preso di mira un’importante base operativa per le informazioni militari di Hamas nella Torre di Al Jala a Gaza”, ha scritto in un post su Twitter che spiega i motivi della distruzione della torre dei media di Gaza, dove avevano sede anche le redazioni locali dell’agenzia Associated Press e di Al Jazeera (leggi qui).

Secondo l’esercito di Israele, nella base ospitata nella torre sono state raccolte “informazioni per gli attacchi contro Israele”, prodotte armi e posizionate attrezzature per ostacolare le operazioni dell’esercito. “Abbiamo avvertito i civili nell’edificio del nostro attacco preoccupati per la loro sicurezza e abbiamo dato loro abbastanza tempo per evacuare l’edificio in sicurezza. Hamas e la Jihad islamica hanno utilizzato questo tempo per portare le loro cose fuori dall’edificio”. Ma, aggiunge l’esercito, “eravamo disposti a pagare quel prezzo per non danneggiare alcun civile”.

“Hamas sceglie di nascondersi tra i civili mentre effettua attacchi contro Israele. Questa scelta non garantisce ai terroristi di Hamas l’immunità dagli attacchi dell’esercito israeliano. Continueremo a operare per difendere il popolo di Israele”, conclude il tweet in tre parti postato stamattina.

“Dio aiuti il popolo di Gaza. Negli ultimi 45 minuti il bombardamento più pesante vicino all’edificio con i nostri uffici dell’Unrwa”. Così, intorno all’1 di questa notte, Matthias Schmale, direttore dell’agenzia dell’Onu per i rifugiati palestinesi (Unrwa), dava conto del massiccio attacco israeliano su Gaza City che ha sfiorato anche la sede dell’agenzia Onu.

Nella notte le sirene d’allarme sono suonate a Tel Aviv e nelle città circostanti, per segnalare razzi in arrivo. Gli allarmi, riferiva il Times of Israel, sono stati lanciati anche ad Ashdod, Ashkelon e in Cisgiordania. Diversi missili, si leggeva sul Times of Israel, sono stati intercettati dal sistema di difesa antimissile ‘Iron Dome’, nel frattempo entrato in azione. Non si hanno al momento notizie di vittime in conseguenza del nuovo attacco. Ma, secondo quanto si legge sull’account Twitter dell’Idf, le forze armate israeliane, “Hamas ha lanciato una pesante raffica di razzi da Gaza verso le zone centrali e meridionali di Israele. Uomini, donne, bambini e anziani sono nei rifugi per proteggersi dai razzi lanciati contro di loro”. Poche ore prima Hamas aveva emesso un avviso che avrebbe rinnovato il lancio di razzi al centro di Israele dopo la mezzanotte ora locale. Di conseguenza, l’aviazione israeliana ha lanciato un’intensa serie di raid aerei sulla Striscia di Gaza.

Israele al momento non intende interrompere l’offensiva militare contro Hamas. L’operazione in corso proseguirà “per il tempo necessario”, ha detto il premier israeliano Benjamin Netanyahu. Netanyahu ha ringraziato il presidente americano Joe Biden per il suo fermo sostegno ed ha sottolineato che Israele sta facendo il possibile per evitare vittime tra i civili. Parlando delle violenze da parte di arabi in Israele Netanyahu ha usato il termine “terrorismo” ed ha avvertito che “chiunque agirà come un terrorista verrà trattato come tale”.

“Ci aspettiamo giorni non facili, ma saremo uniti e forti”, ha detto Netanyahu. “Dobbiamo ricordare e dirci questo: abbiamo ragione e non possiamo venire a patti con questo terrore, con questa ferocia, con questa violenza”, ha aggiunto in una dichiarazione riportata dal Times of Israel. Il primo ministro israeliano esorta la popolazione a rimanere vicino ai rifugi antiaerei.

Le varie iniziative per fermare le ostilità sono state respinte dalla leadership israeliana. “Non è il momento per un cessate il fuoco. Continuiamo”, ha riferito una fonte governativa israeliana, citata dall’emittente Channel 12. Secondo la fonte, le discussioni per un eventuale tregua sono rinviate alla prossima settimana. (fonte: Adnkronos)