Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Media education, incontro tra Regione, Corecom e i giovani sull’uso responsabile della rete

Leodori: "E’ importante spiegare ai ragazzi e alle loro famiglie quali comportamenti non adottare quando si è online"

Regione Lazio – “I nostri ragazzi sono connessi h24 alla rete e se questo, da un lato, offre infinite possibilità dall’altro li espone a rischi aggirabili solo grazie ad una corretta educazione. E’ quindi importante spiegare ai giovani e alle loro famiglie quali comportamenti non adottare quando si è online, quando si gestiscono profili social e quando si leggono notizie che qualche volta non sono vere”. Lo ha dichiarato Daniele Leodori, vicepresidente della Regione Lazio, intervenendo al convegno telematico “Educazione alla legalità. I minori e la Rete”, al quale hanno assistito anche alcuni alunni dell’I.C. “Via Miceli” di Roma. L’evento si inserisce nell’ambito dell’attività di Media Education e di educazione alla legalità portata avanti dal Corecom Lazio su tutto il territorio laziale.

“L’introduzione della didattica a distanza, –  ha proseguito Leodori – a causa della pandemia e il relativo utilizzo delle nuove tecnologie, ha introdotto la necessità di rendere sempre più consapevoli anche i ragazzi di fasce di età inferiori”.

“Quando si naviga in rete bisogna stare molto attenti per evitare di imbattersi in contenuti inappropriati per i minori – ha aggiunto Fabio Capolei, vicepresidente della Commissione Trasparenza della Regione Lazio -. Per questo consiglio vivamente ai ragazzi di condividere con i genitori le password dei loro profili social. Non bisogna poi esitare a segnalare ad amici e insegnanti i comportamenti offensivi nei confronti di altri utenti della rete”.

“Il Corecom Lazio, in particolar modo in questo periodo nel quale le famiglie e i minori hanno aumentato il tempo trascorso collegati alla rete, – ha proseguito Maria Cristina Cafini, presidente del Corecom Lazio.si propone di offrire a tutti i cittadini del Lazio la conoscenza di tutti gli strumenti idonei a comprendere meglio le dinamiche e i messaggi offerti dai media per rielaborarli autonomamente, in maniera critica, attività di formazione e prevenzione che è possibile espletare solamente in sinergia con Consiglio Regionale e Agcom”,

Proteggere i bambini ed educarli ad un uso consapevole di internet continuerà ad essere la nostra mission prioritaria – ha aggiunto Iside Castagnola, componente del Corecom Lazio – come autorità regionale per le comunicazioni. Oggi abbiamo ricordato loro che legalità è innanzitutto rispetto delle regole anche nella comunità virtuale”,