Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Roma, agli arresti domiciliari percepivano il reddito di cittadinanza

I carabinieri hanno denunciato 15 persone che avevano ottenuto indebitamente il beneficio

Roma – Nel corso di un’attività di verifica di quanti percepivano il “reddito di cittadinanza”, pur se colpiti da misure cautelari in atto, come arresti domiciliari piuttosto che divieto di avvicinamento alla parte offesa o obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, i Carabinieri della Stazione di Roma Trullo hanno denunciato in stato di libertà 15 persone.

Si tratta di soggetti che, a seguito di accertamenti eseguiti preso gli uffici dell’Inps, avevano ottenuto indebitamente il beneficio, accumulando complessivamente un ingiusto profitto ed un eguale danno erariale pari a 75mila euro.

Gli accertamenti dei Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma, hanno consentito di accertare che alla base della indebita percezione sussistevano mendaci dichiarazioni fornite nella richiesta di fruizione del reddito di cittadinanza, omettendo informazioni dovute, come quelle di essere sottoposti a misure cautelari, per cui non ne avrebbero avuto diritto.

A carico delle 15 persone sarà immediatamente sospeso il beneficio illecitamente percepito fino ad oggi; seguirà, poi, una richiesta di risarcimento del danno causato alle casse dello Stato.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram sulle notizie dall’Italia e dal mondo