Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Narcotrafficante latitante torna a Roma per il compleanno della figlia: arrestato

Ritenuto responsabile di associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti deve scontare una condanna a 13 anni e 4 mesi di reclusione

Roma – I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma sono riusciti a rintracciare e arrestare il 49enne latitante era ricercato dal marzo 2006, quando era sfuggito alla cattura nell’ambito dell’operazione Ibisco coordinata dalla DDA della Procura della Repubblica di Roma.

Era ritenuto responsabile di associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, motivo per il quale deve scontare una condanna alla pena di 13 anni e 4 mesi di reclusione.

I militari erano da tempo sulle tracce dell’uomo che risultava essersi trasferito in Spagna, ma continuava ad avere rapporti con i suoi più stretti familiari domiciliati a Roma, in particolare la madre e la figlia 22enne alle quali era molto legato.

Intuendo, quindi, che in prossimità della ricorrenza del 23 compleanno della figlia, l’uomo avrebbe potuto farle visita, i Carabinieri si sono appostati per giorni all’esterno dell’abitazione della madre dell’uomo, ubicata nel quartiere Tuscolano della Capitale, fino a quando hanno notato accedere all’interno del condominio un soggetto dalle fattezze simili proprio a quelle del noto latitante.

I Carabinieri, nella circostanza, fingendosi fattorini, decidevano di fare irruzione immediatamente all’interno dell’appartamento sorprendendo il latitante mentre tentava di nascondersi nella camera da letto.

La successiva perquisizione consentiva di rinvenire nella diponibilità del 49enne ricercato una falsa carta di identità, valida per l’espatrio, riportante la sua effigie ma con generalità riconducibili ad un altro soggetto residente a Roma e avente la sua stessa età. Dai conseguenti accertamenti emergeva che tale documento era stato utilizzato quella stessa giornata per passare i controlli aeroportuali e salire a bordo dell’aereo Barcellona – Roma delle 7 del mattino.

Il provvedimento di cattura, che era stato emesso nel 2006 nei confronti dell’uomo e di altre 26 persone, scaturiva da un’attività di indagine condotta dai Carabinieri del II Reparto Investigativo del ROS di Roma ed era stata avviata a seguito di due ingenti sequestri di narcotico:
• 16 tonnellate di sostanza del tipo hashish, operato a Fiumicino il 17 dicembre del 1999, dal Nucleo Investigativo Carabinieri di Roma;
• 2,1 tonnellate di cocaina rinvenute a bordo della motonave Irene il 14 aprile del 2003, ad opera della dogana spagnola al largo delle Isole Canarie.

Il 49enne era ritenuto uno dei promotori di tale sodalizio, occupandosi, in particolare, di procurare lo stupefacente da importare in Italia sfruttando contatti con canali di rifornimento attivi in Spagna e nei paesi produttori (Marocco e Sud America).
Il latitante, espletate le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Rebibbia.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram sulle notizie dall’Italia e dal mondo