Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Riqualificare la riva destra del Tevere da Ponte Testaccio a Ponte Milvio: il Campidoglio chiama la Regione

Il Campidoglio ha chiesto un tavolo di lavoro con la Regione con l'obiettivo di sviluppare un uso integrato delle banchine

Roma – “Roma Capitale ha inviato una richiesta alla Regione Lazio, e a tutti gli enti di competenza, per l’istituzione di un tavolo di lavoro per la valorizzazione della riva destra del Tevere, nel tratto compreso fra ponte Testaccio e ponte Milvio. L’obiettivo è condividere un percorso comune per la rigenerazione urbana delle banchine così da svilupparne le molteplici potenzialità d’uso in tutti i periodi dell’anno, nel quadro complessivo dell’ambito fluviale e della relativa cornice storico-architettonica e sociale.

Alla luce del lavoro presentato al Governo dalla Soprintendenza Speciale di Roma, Archeologia Belle Arti e Paesaggio, redatto di concerto con Roma Capitale, finalizzato alla realizzazione del progetto ‘Roma Caput Mundi in riva sinistra del Tevere’, si chiede quindi a tutti gli enti di competenza l’impegno a definire un nuovo assetto anche per la riva destra del Tevere, così da garantire uno sviluppo organico e armonico delle due sponde.

Qualsiasi rigenerazione urbana della riva destra del Tevere, dovrà comunque tenere conto sia del progetto del MIMS e della Città Metropolitana di Roma Capitale per la navigabilità del fiume dalla foce a Castel Giubileo, sia dell’ipotesi di realizzazione di un primo ramo di infrastruttura tram sui Lungotevere da ponte Garibaldi a ponte P.A.S.A., in modo da evitare le interferenze sulla direttrice di Corso Vittorio fra i previsti cantieri della Tratta T2 della metro C e della linea tram Termini-Vaticano-Aurelio”. Così in una nota il vicesindaco con delega alla Città in movimento Pietro Calabrese e l’assessora alla Crescita culturale Lorenza Fruci.