Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Atletica paralimpica, da domani gli azzurri in gara agli Europei

Apre la competizione Di Maggio nei 400 metri. Martina Caironi nei 100 che l’hanno vista Regina a cinque cerchi

Da domani, martedì 1 giugno, la Nazionale italiana comincia la sua avventura a Bydgoszcz, in Polonia, per i Campionati Europei Paralimpici di atletica leggera.

Il primo atleta chiamato a battezzare d’azzurro la pista polacca sarà Raffaele Di Maggio. Il velocista siciliano, componente della Unicredit Fispes Academy, sarà impegnato alle 10:45 nei turni di qualificazione dei 400 T20. L’obiettivo dichiarato è di centrare la finale, programmata per il tardo pomeriggio, e salire su quel podio che già era stato suo nel 2018 con l’argento a Berlino. In questa stagione Di Maggio ha avvicinato il suo personal best di 50.21 con il primato stagionale di 50.34 realizzato ad Ancona ad inizio del mese.

In mattinata appuntamento anche con i 100 T11 di Arjola Dedaj in una gara solitamente molto competitiva. Con la guida Andrea Rigobello, la sprinter non vedente tenterà il tutto per tutto per guadagnarsi la finale prevista alle 19:25.

Grandi invece le aspettative sulla gara di lungo delle categorie accorpate T44-64. Alle 17:30 la pedana sarà terreno di confronto per ben tre azzurri con alcuni dei big della para atletica mondiale. A sfidare il numero 1 al mondo Markus Rehm e il forte francese Jean-Baptiste Alaize, ci sono il pluridecorato Roberto La Barbera, Marco Cicchetti e Irbin Vicco, con i primi due a caccia di una prova convincente con una prestazione che guarda alle Paralimpiadi di Tokyo. Per il giovane saltatore lombardo invece, il recente personal best di 5,75 ottenuto a Cairate a metà maggio non può che far ben sperare per un buon piazzamento alla sua prima uscita in maglia azzurra.

In pista, non ci dovrebbero essere troppi problemi per Martina Caironi nei 100 T63, gara che negli ultimi anni ha dominato a livello mondiale prima dell’avvento dell’altra azzurra Ambra Sabatini, autrice del nuovo record del mondo al Grand Prix di Dubai. Dopo tre anni di assenza dalle competizioni di alto livello, la pluricampionessa iridata e paralimpica torna a gareggiare per mettersi di nuovo alla prova in un contesto internazionale, e l’Italia conta su di lei e sulla sua pluriennale esperienza per trascinare la squadra verso un Europeo memorabile in vista di Tokyo.

Nel 2018, all’ultima edizione degli Europei a Berlino, l’Italia aveva vinto 17 medaglie (6 ori, 3 argenti e 8 bronzi).

Gli Europei saranno trasmessi in diretta streaming sul canale Facebook di FISPES e di World Para Athletics, oppure sul canale YouTube https://youtube.com/c/paralympics

(foto@Mantovani/Fispes)