Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

“Ardea: tra mito e storia”, il libro che racconta le origini e l’evoluzione della città

Un omaggio alla storia antica e moderna di Ardea scritto dall'assessore Sonia Modica e dal Prof. Enzo Avanzi

Ardea – “Ardea: tra mito e storia” è il titolo del libro dell’Assessore Sonia Modica e del Prof. Enzo Avanzi, che hanno voluto rendere omaggio alla città celebrando il cinquantenario dell’autonomia comunale attraverso la scrittura di questo libro.

Gli autori raccontano l’evoluzione di Ardea tra mito e storia, dall’epoca dei Rutuli fino all’epopea virgiliana, il periodo della decadenza durante il medioevo, il ricordo degli archeologi che negli ultimi decenni hanno lavorato ad Ardea e portato alla luce grandi scoperte, ma anche la presenza di artisti e personaggi storici di calibro internazionale come Giacomo Manzù. Insomma, un vero e proprio omaggio ad Ardea: un libro che spiega la storia della città, le sue origini ma anche i miti che la circondano.

Gli autori

Sonia Modica è nata a Latina. Dopo il Dottorato in Archeologia ha alternato l’attività di ricerca scientifica con l’insegnamento e l’impegno nell’Amministrazione di Ardea, dove ha attualmente la carica di Assessore al Turismo e alla Cultura.

Enzo Avanzi è nato a La Spezia e risiede ad Ardea dal 1978. Ha alternato lo studio, l’insegnamento e la pratica del diritto del lavoro e delle relazioni industriali in ambito nazionale e dell’Unione Europea.

L’intervista agli autori

Come e quando è nata l’idea del libro?

Sonia Modica: Il libro, come il titolo, è venuto fuori dalle continue conversazioni con Enzo. Io ho ripreso l’assessorato a febbraio 2020, 10 giorni prima del lockdown e nessuno di noi avrebbe mai immaginato di trovarsi tutti quei giorni chiusi in casa ad aspettare che la situazione migliorasse. Così in primavera abbiamo iniziato a dare corpo all’idea che dovevamo mettere per iscritto, oltre che per il cinquantenario della grande storia del comune anche in onore del trentennale della permanenza ad Ardea di questo personaggio importantissimo che è Paul Gauthier. Il libro quindi racconta di Ardea e della sua storia, antica e moderna, citando anche i personaggi storici che l’hanno abitata.

Enzo Avanzi: Io e Sonia ci siamo incontrati con due background culturali diversi ma allo stesso tempo anche vicini: lei è una specialista dell’antichità e io sono specializzato in diritto nel lavoro e relazioni industriali. Sia pure in piccoli numeri ci abbiamo provato a creare e continueremo a creare delle occasioni di Job Creation, che nascano proprio da questa ricchezza storico culturale. Aldilà dell’amicizia reciproca sappiamo che in molti casi ci siamo cimentati in cose che normalmente non facciamo, in campi nuovi. Questa esperienza mi ha dato anche il piacere di uscire dalla mia competenza e di scoprire cose nuove con soddisfazione, perché frequentare campi nuovi dà sempre soddisfazione. Addirittura la grafica del libro l’ha creata Sonia, che si è trovata quindi a svolgere un’altra attività che è al di fuori dal suo campo abituale.

Da dove nasce la curiosità per Ardea?

Enzo Avanzi: Abito a Tor San Lorenzo da più di 40 anni e mi sono trovato qui per caso. Ho tre figli e tutti sono venuti a vivere insieme a me ad Ardea ed essendo io molto mobile dal punto di vista professionale, dato che vivevo tra Pisa e Bruxelles, mia moglie era qui con i 3 bambini e stava molto meglio in questa città e da lì siamo diventati ardeatini e siamo rimasti fino ad oggi.

Sonia Modica: Io ho ottenuto l’assessorato dopo la permanenza sul territorio dalle origini. Ho un percorso legato a studi territoriali e ad attività connesse alla professionalità di archeologa sul territorio. Ho scavato con gli olandesi dell’Università di Amsterdam e di Groningen per l’area dell’antica Satricum, un luogo cardine dell’antica Pomezia. Da lì ho continuato gli studi sulle culture preromane del Lazio antico. Ho studiato Roma e il Lazio e ho allargato poi le mie vedute concentrate su siti importanti e oggetto di studi anche di scuole estere. Nonostante le mie esperienze internazionali attraverso la partecipazione a convegni e attività di studio, ho mantenuto la mia mente connessa al territorio di Ardea. Oltre che impegnarmi nell’attività scientifica la mia attività riguarda anche la valorizzazione del territorio.

La storia di Ardea è molto ampia, come è stata organizzata all’interno del libro?

Sonia Modica: C’è un’introduzione di Enzo sul mito e sulla storia e il libro è diviso in due sezioni. Una parte riguarda il mondo antico attraverso la storia e l’altra riguarda Ardea come luogo di approdi contemporanei dove richiamiamo Paul Gauthier e Manzù. Nella parte antica ci sono approfondimenti su varie figure che hanno costellato gli approdi ad Ardea, ma c’è anche un riferimento a una storia inedita della città che la affianca al banditismo. C’è anche una sezione dedicata agli archeologi internazionali che hanno dedicato una parte della propria carriera ad Ardea, una sezione sul cinema italiano ad Ardea e alla ricostruzione post-bellica. Nella seconda parte del libro è protagonista anche Enzo con la sua famiglia, dato che Paul Gauthier è rimasto ad Ardea nella residenza attuale di Enzo.

Enzo Avanzi: Anche questo è stato un caso. Io non mi sono mai occupato di teologia, anzi, era lontana dai miei interessi. E’ capitato di incontrare Paul Gauthier perché per una certa vicissitudine lui e la sua famiglia si sono trovati a vivere in un garage ad Ardea. Erano isolati, parlavano solo francese e mia moglie conosceva il francese. Così li abbiamo conosciuti. All’epoca avevo un appartamento vuoto qui ad Ardea e quindi li ho ospitati e alla fine sono rimasti due anni a Tor San Lorenzo con i loro figli. Abbiamo avuto un rapporto molto stretto e si è creata un’amicizia. Non sono uno storico ma ho avuto il piacere di conoscere queste personalità importanti e di riportare le loro testimonianze

Quanto tempo ci avete messo per scrivere questo libro?

Sonia Modica: Il libro è stato scritto a due mani e il grosso della scrittura lo abbiamo prodotto quando sono stata affetta da Covid, verso la fine del 2020. Poi siamo andati avanti con la pubblicazione che è diventata più consistente di quanto ci aspettassimo e ora è stato finalmente pubblicato ed è disponibile anche online.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ardea
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Ardea