Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Roma, nascondeva in cantina una pistola rubata: 48enne in manette

Il 48enne era già tenuto d'occhio dalla Polizia in quanto sottoposto all'obbligo di presentazione all'autorità giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio

Più informazioni su

Roma – Arrestato dalla Polizia di Stato a febbraio per detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti e per questo sottoposto all’obbligo di presentazione all’Autorità Giudiziaria, un 48enne romano, era ancora tenuto d’occhio dagli agenti del commissariato Celio, diretto da Maria Sironi.

Sottoposto ad un controllo dagli investigatori, l’uomo è apparso subito nervoso pur non avendo nulla addosso.

I poliziotti hanno quindi deciso di perquisire anche l’abitazione e la cantina del pregiudicato: proprio in quest’ultima, sull’ultimo ripiano di una rastrelliera in ferro, sono stati trovati 1 borsello contenente una pistola, marca “Browning” calibro 9, completa di caricatore rifornito con 4 colpi e un’ulteriore proiettile “sfuso”; su un ripiano intermedio c’erano invece 7 ritagli di plastica trasparente, utilizzati verosimilmente per il confezionamento delle dosi, 11 buste a chiusura termica vuote e tagliate ed un foglio manoscritto riportante nomi e cifre.

Da ulteriori accertamenti gli investigatori hanno scoperto che la pistola era stata rubata durante un furto in un’abitazione a Sacrofano nel dicembre del 2011: il 48enne è finito in manette per detenzione illegale di arma ed è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram sulle notizie dall’Italia e dal mondo

Più informazioni su