Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Primarie del centrosinistra, a Roma vince Gualtieri: l’esponente del Pd sarà il candidato sindaco

A Roma ai gazebo si sarebbero recati circa 45mila votanti, come si apprende da fonti della coalizione di centrosinistra. Ma Caudo contesta i dati

Roma – Roberto Gualtieri sarà candidato a sindaco di Roma. L’esponente del Pd si impone nelle primarie nella Capitale con una percentuale superiore al 60%, secondo i dati provenienti dai seggi. Seguono Giovanni Caudo (14-15%), Imma Battaglia (6%), Paolo Ciani (6%), Stefano Fassina (4-5%), Tobia Zevi (3%) e Cristina Grancio (1%). A Roma ai gazebo si sarebbero recati circa 45mila votanti, come si apprende da fonti della coalizione di centrosinistra. “Alle primarie di Roma non hanno votato 45mila persone, al massimo 37 mila”, dice Caudo a Il Foglio chiedendo che le schede siano ricontate domattina.

“Molti parlavano di flop delle primarie e invece non c’è stato. Dopo mesi di restrizioni e in una giornata calda, con la partita dell’Italia, c’è stata una partecipazione superiore a quella delle ultime primarie per il candidato sindaco”, dice Gualtieri. “Adesso tutti uniti, da domani si lavora per rilanciare Roma. La grande unità che c’è stata tra tutti noi ha aiutato, c’è stato un clima positivo. Ringrazio tutti gli altri candidati. Siamo una squadra unita, un po’ come l’Italia di Roberto Mancini”.

A Bologna, Matteo Lepore si impone. Sono stati circa 27mila i votanti alle primarie nel capoluogo. Lepore vince con il 59,6% con 15.750 voti e Isabella Conti si ferma al 40,4% con 10.672 voti. Inoltre, a quanto si riferisce, la Conti avrebbe ottenuto maggiori consensi a Bologna centro mentre il candidato dem Lepore avrebbe fatto il pieno nei quartieri più periferici..

“Bene! La prima scommessa è vinta. Le primarie a Roma e Bologna sono un successo di popolo e pur in epoca Covid hanno affluenza come pre-Covid. Il successo di Lepore e Gualtieri dimostra che abbiamo avuto ragione a non aver paura a farle perché il popolo di cs è con noi. Avanti!”, scrive il segretario del Pd, Enrico Letta, su twitter. (fonte Adnkronos)

Bonafoni: “Uno splendido risultato”

“Un risultato eccezionale, nato da una partecipazione alle primarie democratiche che è andata oltre ogni aspettativa smentendo tutte le previsioni. La vittoria di Roberto Gualtieri con più del 60% dei voti alle primarie del centrosinistra è il miglior carburante per la corsa che ci attende da qui al voto d’autunno. Occorre ripartire da qui: dalla coalizione politica, civica e sociale che ha animato i gazebo, e dallo straordinario popolo progressista che ieri ha detto chiaramente da che parte sta. Dalla parte della rinascita di Roma e del suo cambiamento. Ora occorre piantare idee, programmi e una visione di città, per poi portarla strada per strada tra la gente. Occorre far aderire i cittadini e le cittadine di Roma a un nuovo progetto ampio e plurale, agganciato alla riconversione ecologica della città e alla lotta alle disuguaglianze. Da ieri si respira in città una nuova aria di futuro”. Così in una nota Marta Bonafoni, capogruppo della Lista Civica Zingaretti alla Regione Lazio e presidente di Pop Idee in Movimento.

Europa Verde: “Bene Gualtieri. Ora pensiamo alle secondarie della Transizione Ecologica”

“Esprimiamo i nostri più vivi complimenti a Roberto Gualtieri per il successo ottenuto alle primarie di Roma. Ora Roma ha ufficialmente un candidato Sindaco per la coalizione di Centrosinistra, un candidato autorevole che noi di Europa Verde-Verdi abbiamo sostenuto fin da quando, nel mese di marzo, fu fatto per la prima volta il suo nome per guidare la Capitale”.

Così, in una nota, Nando Bonessio e Guglielmo Calcerano, portavoce di Europa Verde del Lazio e di Roma, che proseguono: “Fin dal primo incontro della coalizione, Europa Verde ha espresso le proprie perplessità sul metodo delle primarie per individuare le candidature, sia per la carica di Sindaco, sia soprattutto nei Municipi. Questa coalizione aveva e ha bisogno di pluralismo politico nella rappresentanza. Il nostro auspicio era per un’assunzione di responsabilità da parte della coalizione, che fosse in grado di mettere a disposizione della città il personale politico migliore, nell’interesse di Roma e dei suoi cittadini. Per questi motivi, una volta preso atto che questo percorso non è risultato possibile, abbiamo ritenuto, nell’ambito delle primarie, semplicemente di confermare la nostra fiducia a Roberto Gulatieri alla guida della coalizione, quale figura unificante, capace e competente”.

“Il confronto pubblico che Europa Verde ha avuto con Roberto Gualtieri l’11 giugno presso la Casa del Cinema è stato proficuo e ci ha consentito di gettare le basi per costruire a Roma un vero programma ‘per la transizione ecologica e sostenibile’ della Capitale. Ora Europa Verde è a disposizione sia di Gualtieri che delle candidate e candidati a Presidente del Municipio, – concludono Bonessio e Calcerano, – per lavorare a piattaforme programmatiche mirate al raggiungimento di obiettivi cittadini di giustizia ambientale, prerequisiti fondamentali di quella ‘giustizia sociale’ sempre più assente ma necessaria nella Capitale”.