Seguici su

Cerca nel sito

Euro 2020, Bonucci: “Manca un centimetro al sogno azzurro.. noi ci crediamo”

In finale l’Italia dopo aver battuto la Spagna ai rigori. Mancini: “Merito ai ragazzi”

Londra - Mentre Bonucci commenta la partita con la Spagna, immagina già cosa sarà domenica 11 luglio. Lui nel 2012 c’era. Quando l’Italia perse proprio con la Spagna in finale, agli Europei di allora, con cui l’Italia ha vinto poco fa in semifinale a Wembley e ai rigori, era una delle colonne della difesa, insieme a Chiellini.

Sono tra gli eroi della Nazionale del 2021 oggi e brillano i suoi occhi a margine della partita: “Noi italiani abbiamo il cuore grande, questo è un risultato storico, ci dovremo mettere cattiveria, sacrificio e portare a casa qualcosa che manca da 50 anni”. Era il 1968 quando gli Azzurri vinsero e in casa. E gli Azzurri, eredi di anno in anno, oggi nel 2021 potrebbero di nuovo avverare quel sogno. Ci credono tutti gli Azzurri di Mancini e lui da i meriti ai suoi giocatori, non se li prende per sé: “I meriti sono dei ragazzi, hanno creduto a tutto questo. Adesso dobbiamo recuperare le forze rimaste e giocarci la finale”. Anche l’allenatore della Nazionale è felice. Resta saldo nell’analisi su Raisport, ma è contento del risultato agguantato con la Spagna. Una partita complicata e in attesa. Fraseggio continuo degli avversari che sapevano tenere palla e ripartire: “Siamo andati in difficoltà all’inizio e poi abbiamo trovato le giuste coordinate – prosegue Mancini a dichiarare - loro nel palleggio sono maestri, difficoltà ce ne hanno creata. Partita aperta con grandi squadre”. E saranno ancora grandi squadre a giocarsi la Coppa Europea domenica 11 luglio. L’altra semifinale si svolgerà domani sera tra Inghilterra e Danimarca: “Manca un centimetro..”. Si ferma la voce di Bonucci esprimendo questa metafora verso la vittoria. Solo un passo verso il sogno. Parole famose anche nel cinema. Le aveva usate il coach del football impersonato da Al Pacino, in 'Ogni maledetta domenica'. E alla fine quella squadra aveva vinto. E Mancini lo ripete ai suoi giocatori nello spogliatoio, per motivarli. La formula magica degli Europei 2021, probabilmente.

Mentre l’Italia tutta festeggia per le strade di un Paese in festa e in rinascita dopo il Covid, i giocatori della Nazionale azzurra cullano un desiderio che sembra possibile. Sei vittorie e sei partite e solo due gol subiti, senza rigori sino ad ora. Significa avere una difesa di ferro, salvo Morata la biscia in area di rigore, che scappa e segna. Ma poi l’Italia si è rifatta e pure Donnarumma, quando poi stasera gli ha parato il rigore: “L’Italia ha il cuore grande – dice lo stesso Gigi Donnarumma - non molla mai e si è visto, mai di un centimetro, abbiamo sofferto fino alla fine. Sono scaramantico, ci godiamo la serata e domani penserò alla finale”. E' ancora il gruppo a vincere, stretto, serrato. Fratelli azzurri tutti insieme ed è arrivato un coro immenso per Spinazzola a fine gara, con Insigne che indossava la sua maglia. Adesso Spina si unirà al gruppo per la finale, come da programma personale (leggi qui) e sarà a bordo campo per contribuire con il suo tifo al sogno di un intero Paese: "Abbiamo sofferto da squadra e ce l'abbiamo fatta". Chiesa lo dichiara ai microfoni di Raisport, con il trofeo di miglior giocatore della partita in mano. E con il cuore colmo di gioia, come gli Azzurri e tutti gli italiani.

Di seguito le dichiarazioni degli Azzurri ai microfoni di Raisport

Leonardo Bonucci: “E’ stata la partita più difficile che abbia mai giocato, complimenti alla Spagna. Ancora una volta questa squadra ha dimostrato valori e cuore, resilienza che ci contraddistingue come italiani. Grande Gigi e grandi tutti. Una gioia sofferta, ancora più bella. Sapevamo che potevano presentare qualche sorpresa, hanno giocato e si sono mossi tanto. Noi abbiamo il grande cuore degli italiani, risultato storico, adesso c’è da recuperare, manca quel centimetro.. dobbiamo fare quel passo.. veramente incredibile ciò che stiamo facendo. Ci dovremo essere di nuovo con cattiveria, sacrificio e portare a casa qualcosa che manca da 50 anni”.

Roberto Mancini:“Partita durissima, Spagna grande squadra, abbiamo giocato bene non come al solito, ma abbiamo fatto una buona partita. Siamo andati in difficoltà all’inizio e poi abbiamo trovato le giuste coordinate. Loro nel palleggio sono maestri, difficoltà ce ne hanno creata. Partita aperta con grandi squadre. I meriti sono dei ragazzi, hanno creduto a tutto questo. Adesso dobbiamo recuperare le forze rimaste e giocarci la finale”.

Gigi Donnarumma:“Emozione indescrivibile, ero sereno potevo aiutare la squadra, fantastici tutti, li ringrazio, la gente e noi. Manca l’ultimo passo per avverare il nostro sogno. Sono fortissimi gli spagnoli, l’Italia ha il cuore grande. Non molla mai e si è visto, mai di un centimetro, abbiamo sofferto fino alla fine, grandissimo merito alla Spagna. Sono scaramantico, ci godiamo la serata e domani penserò alla finale”.

Federico Chiesa, miglior giocatore della partita: "E' stata una battaglia. La Spagna è una grande squadra, abbiamo sofferto da squadra e noi o siamo. Fino all'ultimo rigore tutti insieme. Siamo felicissimi e ci giochiamo al finale. E' andata bene anche stasera, è andata bene. Quando c'era da soffrire ci siamo aiutati. Faremo un centimetro alla volta".

(foto@Vivo_Azzurro)

 

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport