Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Rifiuti, da Ventotene e Formia ok all’aumento di capitale della Frz

L’operazione, proposta dall’Amministratore unico della società è stata accolta positivamente dai Comuni soci

Formia – Nell’assemblea straordinaria della FRZ s.r.l. che si è tenuta il 22 luglio scorso, i comuni soci di Formia e Ventotene, rappresentati rispettivamente dalla Commissaria straordinaria Silvana Tizzano e dall’Assessore
Francesco Carta in qualità di delegato del Sindaco di Ventotene Gerardo Santomauro – su proposta di Michele Bernardini Amministratore Unico della FRZ – hanno deliberato all’unanimità un aumento gratuito del capitale sociale.

Il capitale della FRZ, inizialmente pari a ad Euro 234mila 812,18, è stato portato a 600mila euro con un incremento di circa 365mila euro.

Per i due soci e per le comunità rappresentate l’operazione si è conclusa senza incidere sui bilanci comunali o sulla fiscalità locale in quanto sono stati utilizzati gli utili di bilancio dell’esercizio 2020, già destinati a riserva straordinaria nell’assemblea del 28 giugno 2021.

L’operazione, proposta dall’A.U. e accolta positivamente dai Comuni soci, mira a dare solidità alla Società.

“La FRZ rappresenta un indubbio patrimonio collettivo dei Formiani e dei Ventotenesi – commenta l’AU
Bernardini  – e come tale deve essere consolidata e posta nelle condizioni di operare al meglio, offrendo servizi
di qualità e ad un giusto costo per i cittadini”.

La FRZ con i suoi 7,8 milioni di fatturato e con una media di circa 90 dipendenti, nel 2020 – nonostante gli
investimenti effettuati in mezzi ed attrezzature per i servizi operativi – ha chiuso un bilancio in utile per circa
400 mila euro (5% circa del fatturato) senza incidere sul costo complessivo del servizio che negli ultimi anni
è stato progressivamente ridotto.

A conferma di quanto sopra basta analizzare il PEF approvato dal Comune di Formia per il 2021 che vede un
minor trasferimento a favore della Società per circa 150 mila euro.

Il Commissario straordinario Tizzano e l’Assessore Carta hanno concluso: “Vogliamo sottolineare la
bontà e la correttezza del percorso intrapreso nell’interesse convergente delle comunità locali rappresentate e della FRZ stessa”.

(Il Faro online)