Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Con il Covid è boom di adozioni di cani: ecco come prendersene cura al meglio

Il loro ruolo all’interno della famiglia è cruciale al giorno d’oggi, in quanto i cani favoriscono l’iterazione sociale, riducono lo stress psicologico e aiutano a mantenersi in forma praticando attività fisica giornaliera insieme al pet

Più informazioni su

In Italia siamo dei grandi appassionati di cani, i nostri amici a quattro zampe che spesso diventano dei veri e propri membri della famiglia. Con la pandemia di Covid-19 molte persone hanno scelto di combattere la solitudine con l’adozione di un animale domestico, infatti secondo l’ENPA (Ente Nazionale Protezioni Animali) nel 2020 sono stati adottati oltre 8 mila cani, con un aumento di oltre il 15% rispetto al 2019.

Il loro ruolo all’interno della famiglia è cruciale al giorno d’oggi, in quanto i cani favoriscono l’iterazione sociale, riducono lo stress psicologico e aiutano a mantenersi in forma praticando attività fisica giornaliera insieme al pet. Senza dubbio l’incremento di adozioni è un segnale positivo, tuttavia è importante capire come prendersi cura di un cane al meglio, per garantire il massimo benessere psicofisico dell’animale domestico e prevenire una serie di rischi.

Come assicurare il benessere del proprio cane

Per occuparsi di un cane è necessario partire dalla buona informazione, selezionando fonti autorevoli da consultare per capire quali sono le regole da seguire, per prendersi cura del proprio amico a quattro zampe in modo ottimale ed evitare errori che potrebbero pregiudicarlo. Un portale sul cane particolarmente apprezzato è Dog.it, un sito web interamente dedicato al mondo canino, dove trovare informazioni aggiornate e di qualità su ogni aspetto, dall’addestramento all’alimentazione migliore.

Innanzitutto è essenziale assicurarsi che il cane realizzi un adeguato esercizio fisico, infatti questi animali devono uscire tutti i giorni per fare i loro bisogni fuori casa, interagire con altri cani e mantenere un corretto pesoforma. Ovviamente non bastano le passeggiate mattutine e serali, le quali devono avvenire in modo sereno favorendo la stimolazione sensoriale del cane, ma è necessario pianificare anche un’attività fisica specifica in base alla razza di cane, all’età dell’animale e alla taglia del pet.

Inoltre è fondamentale organizzare al meglio l’ambiente domestico, mettendo a disposizione del cane una zona dedicata in cui possa sentirsi sicuro e protetto. Anche in casa è importante realizzare delle sessioni di gioco, per rafforzare l’interazione con l’animale ed educarlo in modo costruttivo, unendo il divertimento alla formazione del carattere del pet. In caso di cambiamenti è indispensabile dare al cane il suo tempo, affinché possa adattarsi ai nuovi contesti in maniera graduale, come il trasferimento presso un’altra abitazione di residenza.

Non bisogna sottovalutare anche il ruolo dell’addestramento del cane, rivolgendosi ad un esperto qualificato per ricevere supporto nell’educazione dell’animale, con l’obiettivo di insegnargli alcune regole in modo efficace e senza traumi. L’assistenza di un professionista permette di ottenere risultati migliori in meno tempo, evitando errori che possono compromettere l’esito dell’addestramento e creare effetti negativi sul cane. Un animale domestico ubbidiente è anche più protetto contro una serie di rischi, ad esempio per portalo in giro in modo sicuro evitando che si allontani.

Alimentazione e toelettatura del cane: ecco cosa bisogna sapere

Per prendersi cura di un cane un aspetto fondamentale è legato all’alimentazione, dalla quale dipende la salute dell’animale e la prevenzione contro diverse patologie e disturbi. In questo caso bisogna sempre scegliere un cibo di qualità, in grado di offrire elevati valori nutrizionali e adatto alle caratteristiche fisiche e comportamentali del proprio cane. È evidente come un animale molto attivo avrà bisogno di un apporto calorico maggiore rispetto a un cane che segue una vita più sedentaria, al pari di un pet che vive in una zona climatica particolarmente fredda.

L’alimentazione deve anche seguire le fasi di crescita del cane, durante le quali l’animale necessita di sostanze nutritive differenti e bilanciate in modo diverso. Per una scelta consapevole bisogna sempre rivolgersi a un veterinario, il quale potrà fornire orientamento nell’individuazione del cibo per cani migliore a seconda delle esigenze specifiche del proprio animale. Ad ogni modo, è consigliabile optare per alimenti di qualità, realizzati con ingredienti sani e naturali, poveri di sostanze nocive per la salute del pet come zuccheri, conservanti e coloranti alimentari.

Il cane deve essere lavato ogni 7-10 giorni, utilizzando uno shampoo adatto al tipo di pelle, preferendo prodotti specifici in presenza di disturbi dermatologici o se il cane presenta una cute delicata. Anche la toelettatura ricopre un ruolo importate nella salute dell’animale, specialmente per i cani a pelo lungo, senza trascurare anche la pulizia delle orecchie e il taglio delle unghie. Infine è indispensabile realizzare tutte le vaccinazioni consigliate, per la prevenzione delle malattie e la protezione dell’animale, seguendo i consigli del veterinario anche in merito alla sterilizzazione o castrazione.

Più informazioni su