Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Con la pistola in Regione: Barillari si scaglia contro i vaccini

Barillari: "Questa è una roulette russa e sei proprio tu a voler premere il grilletto"

Roma – Una pistola puntata al braccio per simulare un vaccino: “Questa è una roulette russa”. Così l’ex esponente del Movimento 5 Stelle e fondatore della Rete R2020, Davide Barillari, nel corso di una video conferenza, ha espresso  la sua contrarietà al vaccino anti-Covid ed alla campagna vaccinale.

Davide Barillari

Un gesto molto forte, già condannato da vari esponenti politici, a cui si aggiunge il dubbio sul fatto se la pistola usata nel video sia giocattolo o meno.

“Questa è una roulette russa e sei proprio tu a voler premere il grilletto – ha detto Barillari nel video -. Io mi vaccino, può andarmi bene o può andarmi male. Ad oggi ci sono 80mila segnalazioni di reazioni avverse. Se sono fortunato ho solo un po’ di febbre, mal di testa, che magari mi va via il giorno stesso, dolore al braccio dove faccio il vaccino. Però se sono sfortunato, come avviene nel 14% dei casi, ictus celebrale, trombosi e morte.

Abbiamo i dati delle reazioni avverse, almeno per la Regione Lazio. Vaccinarsi con un vaccino sperimentale non è un dovere morale, è ignoranza. Chi s’informa, ci pensa bene due volte prima di correre a fare un vaccino sperimentale. Ed informarsi è un nostro dritto”.

Una pistola “no-vax” in Regione Lazio, Barillari: “Ecco perché l’ho fatto”

“Nel mio ruolo di consigliere regionale – ha concluso – voglio capire cosa succede, ma di fronte a me trovo la censura di Nicola Zingaretti, che ha cercato di annullare questa conferenza stampa, e l’arrogante muro di gomma della commissione Sanità del consiglio regionale del Lazio, che nega audizioni chieste da migliaia di cittadini”.

Zingaretti: “Un gesto folle e diseducativo”

“Mostrare una pistola (non si capisce se vera o giocattolo) in un video è molto grave e diseducativo – ha commentato il presidente della Regione Lazio in un post su Twitter – . Abbinarla a una presunta pericolosità dei vaccini è doppiamente folle e sbagliato. Barillari si scusi per il suo video: i vaccini stanno salvando il mondo. Le pistole no“.

M5S Lazio: “Comportamento inaccettabile. Siano presi seri provvedimenti

“Per quanto abituati alle uscite sceniche di Barillari con lo scopo di racimolare qualche like, questa volta riteniamo che si sia superato il limite”. Così, in una nota, il M5S Lazio.

“Mostrarsi in un video, – spiegano –  all’interno del Consiglio regionale, con una pistola in pugno è un atto gravissimo che travalica ogni comportamento responsabile e lancia un messaggio oltraggioso, oltre che pericoloso in un momento in cui ci sono tensioni che andrebbero placate e non alimentate con manifestazioni plateali di tale portata. Le sedi istituzionali non possono fare da sfondo a questi spettacoli indecenti ed è fortemente preoccupante che si arrivi ad esprimere il proprio dissenso utilizzando un’arma da fuoco, vera o finta che sia. Auspichiamo che dopo tale vergognoso comportamento, vengano presi seri provvedimenti nei confronti di un rappresentante delle Istituzioni che si fa beffa delle stesse e del buon senso, utilizzando un oggetto di morte. E’ una deriva inaccettabile e deleteria, che condanniamo fermamente”.

Cangemi (Lega) “Barillari parla di roulette russa, ma sbaglia pistola…”

“E’ da condannare il gesto di Davide Barillari che estrae una pistola, che voglio sperare essere giocattolo, all’interno di una sede istituzionale”. E’ quanto dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio e consigliere Lega Giuseppe Emanuele Cangemi

“Tra l’altro, – spiega il Vicepresidente – Barillari non ha nemmeno la più pallida idea di come si faccia la roulette russa di cui parla: serve una pistola a tamburo. Non una semiautomatica”.

Tidei (Iv): “I vaccini salvano la vita, inaccettabili le provocazioni di Barillari”

I vaccini esistono per salvare vite umane, le pistole nascono per toglierle. Per questo è inaccettabile l’ultima provocazione del Consigliere Regionale Barillari, che si fa ritrarre in un video, agitando una pistola come fosse una siringa, paragonando i sieri vaccinali ai proiettili“. Lo dichiara, in una nota, Marietta Tidei, consigliera regionale del Lazio di Italia Viva.

Siamo abituati ai gesti plateali di Barillari, ma non è più possibile tacere, permettendo che un rappresentante istituzionale utilizzi il suo ruolo come un personale palcoscenico dove mettere in scena continue farse. E’ tanto più inaccettabile in un momento come questo in cui i cittadini andrebbero rassicurati ed invitati alla vaccinazione, invece di farne pubblico per gli show personali”, conclude Tidei.

(Foto-Twitter @nzingaretti)
(Il Faro online)