Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Giornata Mondiale dell’Amicizia 2021: perché si celebra il 30 luglio

Più informazioni su

“È, l′amico è, qualcosa che più ce n’è meglio è”… Così una celebre canzone diventata l’inno alla amicizia spiega in parole semplici cosa sia una amico: un amico è la persona a cui ci rivolgiamo quando siamo tristi e che sa sempre come tirarci su il morale, conosce il meglio e il peggio di noi e che non ne ha paura. Amico è colui che ti tende la mano. Amico è quello che durante il temporale divide l’ombrello con te. Amico è quella persona che non ti volterà mai le spalle e camminerà al tuo fianco in questa vita. Tutto ciò che racchiude il significato della parola amicizia si celebra il 30 luglio di ogni anno con la Giornata Mondiale dell’Amicizia.

La giornata nasce con l’obiettivo di ricordare quanto sia preziosa la vera amicizia, fatta di coesione, condivisione, spartizione, partecipazione alle gioie e ai dolori altrui e, quindi, un sentimento fondante per ogni passato, presente e futuro dell’Umanità.

Le origini

Tale ricorrenza in questione è stata proclamata nel 2011 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con il nome International Day of Friendship. L’istituzione vuole celebrare l’amicizia come sentimento di aggregazione e promotore di dialogo, unione, solidarietà e comunicazione civile. Oltre che tra persone, infatti, l’amicizia va intesa in senso lato come un indispensabile trait d’union tra le diverse culture e le differenti tradizioni che caratterizzano le varie esistenze a ogni latitudine.

La risoluzione A/RES/65/275 sottolinea quanto sia importante che i giovani, gli uomini del nostro di domani, promuovano la comprensione reciproca e il rispetto della diversità. Una giornata, che si prefigge anche di sostenere gli obiettivi e le finalità della Dichiarazione e del Programma di Azione per la una Cultura di Pace e del Decennio Internazionale per una Cultura di Pace e di Non-violenza per i Bambini nel Mondo (2001 – 2010).
(Il Faro online)

 

Più informazioni su