Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Roma, dice di essere incinta per evitare il carcere… ma non è vero: coppia d ladri in manette

I due giovani, un 23enne e una 25enne, hanno riempito 2 "buste carrello" di merce in un magazzino di articoli per la casa e cercato di scappare

Roma – Sono entrati in un grande magazzino di articoli per la casa, hanno riempito 2 “buste carrello” di merce per un importo pari a circa 1000 euro e sono usciti da un varco, in direzione vietata, senza passare per le casse, per raggiungere il parcheggio.

La coppia di giovani ladri non aveva però considerato che il punto da loro scelto come via di fuga era sottoposto a telecamere di videosorveglianza, visionate in diretta da personale addetto al controllo che, accortosi di quanto stesse accadendo, ha subito contattato la guardia giurata ed ha chiamato in aiuto la Polizia di Stato.

Quando la pattuglia del commissariato Romanina, diretto da Moreno Fernandez, è arrivata, il 23enne romano con precedenti e la 25enne romana, erano presso l’area pagamento del negozio, bloccati dalla vigilanza alla quale avevano confessato di non aver pagato gli oggetti presi.

Accompagnati negli uffici di polizia per redigere gli atti di rito e far formalizzare la denuncia alla responsabile dell’esercizio commerciale, la ragazza ha dichiarato di essere al secondo mese di gravidanza per evitare l’arresto.

Visitata al Policlinico Casilino non è risultata incinta e così sono scattate le manette sia per lei che per il suo compagno: Bonnie e Clyde dovranno rispondere del reato di furto aggravato in concorso.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram sulle notizie dall’Italia e dal mondo