Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Il cimitero di Ventotene a rischio crollo in mare: l’appello del Sindaco a Mattarella fotogallery

"Esiste il pericolo oggettivo che le bare finiscano in mare. Significa che Mattarella potrebbe essere stato l'ultimo Presidente a far visita alla tomba di Spinelli"

Ventotene – La visita del Presidente della Repubblica a Ventotene due giorni fa (leggi qui), in occasione dell’80° anniversario del Manifesto di Ventotene, ha lasciato dietro di sé quel retrogusto dolce proprio delle “cose buone”. L’isola è satolla di un’esperienza che tanti custodiranno con gioia, un bel ricordo nel bagaglio di quanti hanno avuto la fortuna di incontrare Sergio Mattarella. Una persona semplice che con molta naturalezza ha raggiunto il cuore degli isolani.

La gente di Ventotene ama il Presidente – ha detto il sindaco Gerardo Santomauro -. Tutti indistintamente amano il Presidente siano essi bambini, giovani e meno giovani. Riesce ad incarnare l’unità della Nazione. Tutti danno addosso alla politica, ma il Presidente è la quinta essenza della politica e della sua forza morale”.

Un’accoglienza calorosa quella i ventotenesi hanno riservato a Mattarella il quale, dal canto suo, si è soffermato sulle qualità dell’isola pontina specificando: “E’ molto bella, ma vista dall’alto è ancora più bella”. Su questo punto il sindaco si è soffermato sottolineando un aspetto dolente, manifestato anche al Presidente, perché “è dall’alto che si vede il pericolo che sta correndo Ventotene. Mattarella potrebbe essere l’ultimo presidente ad aver fatto visita alla tomba di Altiero Spinelli”.

“Il rischio idrogeologico è fortissimo – ha rimarcato Santomauro -. Il fronte della frana è arrivato al limite dal cimitero. C’è un’altra frana pronta a cadere ed è a tre metri dal cimitero. Significa che esiste il pericolo oggettivo che succeda quel che è successo a Camogli, che le bare finiscano in mare. Significa che Mattarella potrebbe essere stato l’ultimo Presidente a far visita alla tomba di Spinelli”.

“Colgo l’occasione per fare un ulteriore appello al Presidente – ha proseguito il sindaco – perché con il suo garbo, ma anche con la sua forza solleciti chi ha la responsabilità di intervenire e di intervenire presto. Perché ad oggi non abbiamo ancora un riscontro delle richieste di aiuto rivolte alle istituzioni”.

“Chiedo pertanto la creazione di un programma speciale e di un commissario straordinario per combattere il dissesto di Ventotene. L’amministrazione comunale fa quel che può, ma l’isola è troppo fragile per essere lasciata da sola. Prima che succeda il peggio bisogna intervenire e questa è una responsabilità che dobbiamo assumerci tutti. Bisogna che si sappia – ha concluso – che tutti sappiano, è una responsabilità che è necessario assumersi”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ventotene
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Ventotene