Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Polpette alla Teresina, morbide e saporite

Ecco come “inventare” qualcosa di buono per riutilizzare il pane raffermo

Più informazioni su

Cucina e Sapori – Polpette alla Teresina: ecco una delle ri-ricette anti spreco di Jusy utile per famiglie numerose, nel momento in cui si accumula pane raffermo, non utilizzato per tempo. Una volta si sfruttava per nutrire le galline, essendo la società prettamente rurale. Oggi, nelle metropoli, un simile impiego non è concepibile.

Ma si può ugualmente “inventare” qualcosa di buono per riutilizzare il pane raffermo. Basta un po’ di macinato e delle uova per creare delle deliziose e morbidissime polpette (con qualche piccolo “segreto”, tipo quello di evitare l’impanatura) , gustose per il palato di ogni età.

Polpette alla Teresina

Ingredienti
(per 5 persone)

Macinato 500 gr
4 uova
aglio
prezzemolo
mollica di pane (da ammollare nell’acqua e strizzare)
sale e pepe qb
1 cipolla
olio evo

Procedimento

Tagliare finemente la cipolla. Amalgamare l’impasto di uova e macinato con le mani, aggiungendo gli ingredienti ad uno ad uno (aglio, prezzemolo e mollica di pane bagnata).

Procedere a fare delle polpette, senza impanatura, per renderle più morbide. Adagiare nella pentola dove avremo sistemato un tappeto di cipolle a crudo con un filo d’olio; coprire con un coperchio.

Dopo averle fatte appena indorare, aggiungiamo un bicchiere d’acqua alzando la fiamma e riabbassando la fiamma dopo circa 30 secondi, lasciando cuocere lentamente per circa 20 minuti, il tempo di asciugare l’acqua e rivedere l’olio.

Girandole di tanto in tanto. Spegnere e servire calde.
Se sei un vero appassionato, clicca qui per visitare www.fornelliditalia.it
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Cucina e Sapori

Più informazioni su