Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Elezioni 2021, candidato di Fare Latina sfregiato in volto con un taglierino

L'aggressione stamattina mentre Gibbini stava aprendo il point elettorale

Latina – Stamattina, il candidato della lista Fare Latina a sostegno di Annalisa Muzio, il 63enne Massimo Gibbini è stato vittima di un’aggressione. All’apertura del point elettorale è stato raggiunto da due uomini in sella a uno scooter ai quali si è avvicinato pensando che volessero chiedere informazioni. Invece uno dei due, da una prima ricostruzione degli investigatori, avrebbe tirato fuori un taglierino colpendo il 63enne in faccia.

Ad accorre sono stati gli uomini della Digos che stanno indagando sull’accaduto.

La notizia ha sconcertato il mondo politico del capoluogo pontino, schieramenti a parte.

Il sindaco Damiano Coletta, candidato anche in questa tornata elettorale, è intervenuto sul profilo facebook del candidato in Consiglio comunale con Fare Latina per esprimere: “Solidarietà a Muzio Annalisa e al candidato Massimo Gibbini. Non permetteremo a nessuno di incendiare la campagna elettorale con la violenza. Mi sono immediatamente attivato, come Sindaco della città – ha evidenziato Coletta-, con il signor Prefetto e oggi pomeriggio si terrà un Comitato provinciale per la sicurezza. Non voglio creare allarmismi ma esprimo preoccupazione per il clima che si sta generando, anche a fronte di alcuni episodi di vandalizzazione di spazi pubblici, come accaduto a Latina Scalo in piazza San Giuseppe, per i quali sto valutando di presentare un esposto come primo cittadino di Latina in carica”.

Anche Vincenzo Zaccheo, aspirante primo cittadino con il sostegno di Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia, Uc, Cambiamo, Rinascimento con Sgarbi, Vola Latina e Latina nel Cuore è intervenuto, sempre sul profilo fb di Gibbini, per esprimere: “La massima solidarietà al candidato della lista “Fare Latina”, Massimo Gibbini, per l’aggressione subìta questa mattina davanti al point elettorale. Dobbiamo evitare che si avveleni il clima della campagna elettorale. Le aggressioni fisiche vanno sempre condannate, ma esistono anche quelle mediatiche e social in danno di molti candidati, le quali vanno attenzionate con altrettanto rigore. Ho già attenzionato il Prefetto anche una altra violenza, non meno insidiosa, che è quella mediatica e social che rischia di inquinare la campagna elettorale”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Latina
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Latina