Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Conference League, manita giallorossa al Cska Sofia

La squadra di Mourinho, passata in svantaggio in avvio, ribalta il match grazie alla doppietta di Pellegrini e ai gol di El Shaarawy, Mancini e Abraham

Roma – Facile vittoria per la Roma all’esordio in Conference League, la nuova competizione voluta dall’Uefa. I giallorossi superano 5-1 il Cska Sofia all’Olimpico e si portano al comando del gruppo C. La squadra di Mourinho, passata in svantaggio in avvio, ribalta il match grazie alla doppietta di Pellegrini e ai gol di El Shaarawy, Mancini e Abraham.

La partita

Il match si sblocca dopo 10’ e a passare sorprendentemente in vantaggio sono gli ospiti. Difesa giallorossa distratta sulla palla messa in mezzo da Wildschut, che a sinistra guadagna la linea di fondo e trova Carey: l’irlandese vince un contrasto e col mancino, defilandosi sulla sinistra, va a segno con un tiro potente che si infila sotto alla traversa. Al 18’ padroni di casa a un passo dal pari. Inegnuità di Yomov, che si fa soffiare il pallone da Shomurodov che parte verso la porta e dopo l’ingresso in area cerca di piazzare con l’interno destro verso il palo più lontano.

Busatto intuisce e riesce a deviare, con la palla che sfila di poco fuori Il pareggio è solo rimandato di qualche minuto. Un gol straordinario di Pellegrini, al 25’, che dal limite dell’area, dopo aver ricevuto e stoppato, aspetta il rimbalzo, guarda il portiere e da fermo, pennella un destro sotto al sette. Al 38’ la Roma ribalta la partita con El Shaarawy. Gran destro del Faraone, con un tiro a giro dal limite dell’area, cercando il palo più vicino e non l’angolo lontano. A propiziarlo è la cabarbietà di Shomurodov, che tiene il pallone al limite e poi lo tocca per il compagno.

In avvio di ripresa il Cska prova timidamente a portarsi in avanti. Al 5’ tentativo di Lam con un destro dal limite che termina fuori. Al 12’ è la volta di Muhar sempre con un tiro da fuori area che Rui Patricio addomestica senza particolare problemi.

Poco dopo Mourinho cambia la mediana, inserendo i due titolari: Cristante e Veretout per Diawara e Villar. Al 17 la Roma cala il tris. Gran merito va a Calafiori, che sfonda a sinistra, trova la linea di fondo e mette a centroarea dove Pellegrini la gira in porta in modo sporco (colpisce col sinistro e la palla gli sbatte sullo stinco destro), infilandola ugualmente in rete. Al 35’ gli ospiti restano in dieci per l’espulsione di Wildschut per doppia ammonizione. Due minuti dopo arriva il quarto gol.

Azione insistita nata da un corner che Veretout calcia direttamente in porta, con Busatto che si salva. L’azione prosegue, palla rimessa in mezzo e Smalling che davanti alla porta colpisce il palo, sulla ribattuta la mette dentro Mancini da due passi. Al 39 c’è gloria anche per Abraham: palla di Shomurodov per l’attaccante inglese che va in profondità e si trova davanti al portiere, superato con un tocco sotto per il 5-1 che manda i titoli di coda sul match. (fonte Adnkronos, foto Twitter @OfficialASRoma)