Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Covid, LeBron James: “Alla fine mi sono vaccinato. Ho fatto le mie ricerche”

Stringenti le regole dell’Nba. Trattative in corso tra la federazione del basket americano e sindacato protocolli

LeBron James si è vaccinato contro il Covid. La stella dei Los Angeles Lakers ha fatto chiarezza rispondendo alle domande dei media all’inizio del training camp in vista della nuova stagione Nba. “Ero scettico all’inizio”, ha detto James, “ma ho fatto le mie ricerche”. La superstar dei Lakers ha detto che ha deciso che era la decisione migliore “per la mia famiglia e per i miei amici, ecco perché ho deciso di farlo”.

Durante l’ultimo anno, James era stato evasivo riguardo al suo stato di vaccinazione. Ma ora non era più possibile eludere il discorso perché alcune città, come Los Angeles, New York e San Francisco hanno requisiti di vaccinazione per i “mega eventi” al coperto, che includono le partote Nba. San Francisco -casa dei Golden State Warriors- richiede a chiunque abbia 12 anni e che partecipi a un evento al coperto con più di 1.000 persone di fornire la prova della vaccinazione o la prova di un’esenzione medica o religiosa. Ciò include anche le partite al Chase Center, l’arena dei Warriors.

L’Nba ha risposto no alla richiesta del cestista canadese di Golden State, Andrew Wiggins, che puntava ad un’esenzione religiosa dalla vaccinazione. Ciò significa che quest’anno il lungo potrebbe non essere in grado di allenarsi o giocare nelle partite casalinghe della sua squadra.

L’associazione dei giocatori della lega basket ha affermato che il 90% dei suoi giocatori è vaccinato. Sono in corso trattative tra Nba e sindacato sui protocolli Covid-19. L’associazione ha sostenuto con fermezza che i giocatori non debbano essere vaccinati. “I giocatori Nba non saranno obbligati a vaccinarsi contro il Covid-19”, hanno detto fonti della lega a Espn. (Adnkronos)

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sport
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sport