Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Scandalo fondi Segreteria di Stato: “Manca la prova regina”. Maxi-processo a rischio annullamento

Per i difensori dei dieci imputati, tra cui il cardinale Angelo Becciu, manca il video dell’interrogatorio di monsignor Perlasca. Senza il video il processo, dicono è da ritenersi nullo

Città del Vaticano – Manca la “prova regina” del maxi-processo in Vaticano per la gestione dei fondi della Segreteria di Stato che ruota intorno alla compravendita- truffa di un immobile di prestigio nel quartiere Chelsea nel centro di Londra, costata alla Santa Sede una cifra stimata tra i 77 e i 175 milioni di euro. Per i difensori dei dieci imputati, tra cui il più illustre è il cardinale Angelo Becciu, manca il video dell’interrogatorio di monsignor Alberto Perlasca, all’epoca dei fatti braccio destro di Becciu.

Nelle lunghe indagini monsignor Perlasca, è stato interrogato 5 volte, due come imputato e altre tre come persona informata sui fatti. La difesa degli imputati accusa i Pm di non voler permettere l’accesso alla registrazione audio-video delle sue deposizioni. Le difese chiedono di acquisire l’interrogatorio di Perlasca, prova decisiva per l’andamento processuale.

Senza il video il processo, dicono è da ritenersi nullo. Agli atti vi è solo un verbale molto stringato, in cui mancano molte parti della testimonianza dell’ex capo dell’ufficio finanziario della Segreteria di Stato e mancano tutte le domande. Se venisse accolta la richiesta del Pg aggiunto Diddi, l’interrogatorio di Perlasca andrebbe perso in quanto non figura tra gli imputati. (fonte Agi)

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Papa & Vaticano
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie sul Papa e Vaticano