Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

In giro per il litorale di Latina con hashish e cocaina: pusher in manette foto

L'uomo era in possesso anche di diversi monili e orologi di lusso che sono stati sottoposti a sequestro e il 45enne è stato indagato anche per ricettazione

Latina – La Polizia di Stato – Questura di Latina, all’esito di un apposito servizio antidroga, nel pomeriggio di ieri ha tratto in arresto il pluripregiudicato di 45 anni nato in Marocco.

L’arresto costituisce l’esito di una classica attività di monitoraggio del territorio, specificamente volta al contrasto dello spaccio di stupefacenti.

I poliziotti della Squadra Mobile infatti, avendo avuto sommarie notizie in merito a una attività di spaccio di sostanze stupefacenti in una zona del litorale, hanno avviato una accurata indagine all’esito della quale è stato individuato un cittadino straniero quale soggetto verso il quale concentrare gli sforzi.

Sono stati quindi effettuati numerosi di servizi di appostamento e pedinamento, che hanno determinato nei poliziotti la convinzione di aver colto la pista giusta.

È stata quindi eseguita una accurata perquisizione personale e domiciliare, all’esito della quale sono stati rinvenuti grammi 120 di sostanza stupefacente del tipo hashish e grammi 8 di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

Nel corso dell’atto di polizia giudiziaria è stata inoltre rinvenuta la somma in contanti di mille e 600 euro, denaro sottoposto a sequestro poiché ritenuto provento proprio dell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti.

Inoltre, sono stati rinvenuti diversi monili preziosi e orologi di lusso che, anche alla luce della genericità delle dichiarazioni dell’uomo circa la provenienza, sono stati sottoposti a sequestro. Per tale situazione all’arrestato è stato contestato l’illecito di ricettazione.

Una volte esperite le formalità di rito, l’arrestato è stato associato alla casa circondariale di Napoli – Poggioreale per permanervi a disposizione della competente A.G..

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Latina
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Latina