Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Pedofilia, la Corte di Strasburgo nega il “diritto” di denunciare il Vaticano

L’”immunità” della Santa Sede è riconosciuta da “principi del diritto internazionale” ha ribadito la Corte dei Diritti dell'uomo

Città del Vaticano – La Corte europea dei Diritti dell’uomo (Cedu) di Strasburgo ha respinto oggi il caso di 24 querelanti che avevano citato in giudizio, senza successo, il Vaticano nei tribunali belgi per atti di pedofilia commessi da preti cattolici.  L’”immunità” della Santa Sede riconosciuta da “principi del diritto internazionale” è stata avanzata in particolare dalla Cedu che si esprimeva per la prima volta su questo tema. I ricorrenti, di nazionalità belga, francese e olandese, erano stati respinti dai tribunali, che avevano già invocato questa immunità giurisdizionale del Vaticano. (fonte Agi)

Clicca qui per leggere tutte le notizie di Papa & Vaticano
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie sul Papa e Vaticano