Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ballottaggio a Formia, Taddeo annuncia una “sinergia istituzionale” con il sindaco di Gaeta

All'apparentamento di La Mura con Gianfranco Conte, Taddeo risponde con una possibile futura "sinergia" con Mitrano, sulla tutela e il rilancio del mare del Golfo

Formia – E’ un ballottaggio sempre più al veleno quello che, a Formia, dopo la chiamata alle urne dei prossimi 17 e 18 ottobre, deciderà chi dovrà governare, dopo la crisi di governo e il relativo commissariamento dello scorso dicembre, tra Amato La Mura e Gianluca Taddeo.

La mossa di Gianluca: annunciata la sinergia istituzionale con Cosimino

Un’ottica di frecciatine, veleni e colpi di scena, dopo l’apparentamento di La Mura con la coalizione di Gianfranco Conte, per il candidato forzista, Gianluca Taddeo, rischia di sorgere un problema: il suo avversario potrebbe, infatti, essere riuscito a colpare il gap di voti che lo separavano dal prendere il primo posto al ballottaggio.

A questo bisogna aggiungere un’altra consapevolezza: l’uomo rivelazione di questa tornata elettorale, il farmacista Luca Magliozzi, ha dichiarato, proprio come ha fatto l’ex sindaco Paola Villa, di non voler orientare il proprio elettorale.

Stabilito che le premesse non sono le migliori, è arrivata la mossa di Gianluca, quella ritenuta vincente, un po’ un asso nella manica… Di che stiamo parlando? Dell’annunciata “sinergia istituzionale” in caso di vittoria al ballottaggio, naturalmente, con il Comune di Gaeta e, soprattutto, con il suo sindaco, Cosimino Mitrano, che, fu, invece, acerrimo nemico della sindaca Villa.

Una mossa strategica? Certo. Una mossa vincente? Forse. Per alcuni, in nome del campanilismo, infatti, Formia dovrebbe smettere di sembrare sempre la “Cenerentola del Golfo”, una sorta di periferia di Gaeta. Per altri, invece, con la salita di Cosimino Mitrano sullo scranno più alto di Piazza XIX Maggio, è nato una sorta di “modello Gaeta”, capace di attrarre migliaia di turisti 12 mesi l’anno e che, il prossimo sindaco di Formia, chiunque egli sia, dovrebbe prendere come esempio.

Ed è in quest’ottica che Taddeo spera, quando afferma: “Con l’amico Cosmo Mitrano, sindaco di Gaeta, abbiamo deciso di portare avanti una sinergia istituzionale per tutelare il nostro mare dall’inquinamento, valorizzarlo in un’ottica di sostenibilità ambientale.”

Per ora, insomma, non si parla di un “turismo del Golfo”, come molti auspicherebbero, ma quasi. Tant’è che Taddeo conclude: “Riqualificheremo anche il waterfront, così da attrarre turisti e investitori e creare lavoro e sviluppo. Con noi: difesa dell’ambiente, riqualificazione del territorio e creazione di nuove opportunità.”

Sarà questa mossa a fare la differenza alle urne? Difficile dirlo, per il momento. La palla ora passa ai formiani.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Formia