Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Corsa al Campidoglio, Conte: “Al ballottaggio voterò Gualtieri”

L'annuncio del leader M5S: "Gualtieri è una persona di valore, Michetti non mi dà nessuna affidabilità"

Roma – Al ballottaggio per il sindaco di Roma “voterò Gualtieri”. Lo annuncia Giuseppe Conte, leader M5S, durante la registrazione della trasmissione di La7 ‘Di Martedì’.

Chi scegliere a Roma tra Gualtieri e Michetti? “Conosco Gualtieri, conosco il suo valore. Michetti non mi dà nessuna affidabilità, sia per quanto riguarda quel poco che ho visto sia per le forze politiche di destra che lo appoggiano. Quindi io andrò a votare per Gualtieri. Non sto dicendo che il M5S debba votare per Gualtieri, perché gli elettori non sono pacchi postali” dice Conte.

“Non mi risulta affatto che la Raggi si sia schierata con Michetti, le ho parlato ieri – sottolinea ancora – la Raggi farà opposizione rispetto al governo cittadino che verrà. Io da cittadino romano ho a cuore il bene della Capitale, che è di tutti. Mi dispiace ci sia un atteggiamento anti-romano, contro la Capitale. La città è patrimonio comune, di tutti gli italiani”.

Alla domanda se Forza Nuova va sciolta, “assolutamente sì”, risponde il leader M5S. “Credo ci siano gli estremi, so che il governo sta lavorando a questo. Il Movimento 5 Stelle è in prima linea per assumere una posizione chiara volta allo scioglimento. Non possiamo sottovalutare questi gruppi di chiara ispirazione fascista e neofascista, che fanno della violenza il centro della propria azione politica”.

Poi, a proposito dell’assalto alla sede della Cgil: “Questa non è una ferita alla Cgil, è una ferita inferta alla democrazia, alla Capitale. Come si può non partecipare alla manifestazione di sabato? Confido che Meloni, Salvini e i rappresentanti di Forza Italia sfilino con noi per offrire una riparazione a questa ferita”, le parole del leader M5S.

Il vicesegretario del Pd Provenzano ha ragione quando dice che Fdi si è messo fuori dall’arco costituzionale? “Assolutamente no. Fratelli d’Italia partecipa alla dialettica politica, è una forza che ha rappresentanza in Parlamento, è assolutamente all’interno dell’arco democratico e costituzionale. Nessun pensiero del genere può essere giustificato” risponde Conte, ospite a ‘Di Martedì’. “Però io dico a Meloni e a Fdi: attenzione, non strizziamo l’occhio a questi gruppi, che vanno condannati non solo per l’episodio di violenza ma anche per gli atteggiamenti ambigui che alimentano il malessere”, sottolinea il leader M5S. (fonte Adnkronos)