Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Montalto, non collimano orari scolastici e dei bus: studenti “buttati in strada” per ore

Francesco Corniglia: "Un ragazzo a 15 anni sta fuori casa dodici ore per andare a scuola? E' una vergogna".

Montalto di Castro – “Cosa deve fare una famiglia? Farsi 100 km al giorno per andarsi a prendere il figlio a scuola? Eppure l’abbonamento si paga, il servizio ci deve essere e la Regione deve provvedere”. Lo sfogo è di Francesco Corniglia, consigliere comunale a Montalto di Castro, d nel mirino ci sono i disservizi del trasporto pubblico e la mancanza di collegamento con gli orari scolastici.

“Era l’otto settembre – spiega Corniglia – quando sulla stampa venivano riportate le dichiarazioni del Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale relative al doppio ingresso a scuola da parte degli studenti degli istituti superiori di secondo grado.

Due le fasce di ingresso: alle 08:00 ed alle ore 9.40 (non più alle 10 come lo scorso anno) al fine di evitare che i ragazzi escano troppo tardi.

Si prometteva tra l’altro anche un potenziamento delle corse Cotral. La logica di tutto questo é nel contrasto al covid-19 e nel garantire la scuola in presenza al 100%. Tutto bene e nessun problema? Assolutamente no, e questo é il punto.

Ci sono molte realtà – prosegue – in cui la mancanza di coincidenze tra orario di uscita e mezzi pubblici genera disagi agli studenti ed alle loro famiglie. Ragazzi che ‘ciondolano’ in giro per ore prima di arrivare a casa, costretti a pranzare fuori tutti i giorni, alla mercé degli eventi atmosferici e senza la possibilità di studiare.

Ma il benessere psico-fisico dei nostri figli non dovrebbe essere l’obiettivo primario? E fargli mangiare un panino ogni giorno, lasciarli al freddo invernale, sottoporli a stress di studio per mancanza di tempo fa bene alla loro salute? Lo sport e il sacrosanto diritto al loro tempo libero dove sono finiti?”

Corniglia poi passa dal discorso generale ad un esempio specifico: “Tratta Viterbo-Montalto di Castro per chi frequenta l’istituto artistico Orioli. Uscita dalla scuola alle 14:10 partenza Cotral da Viterbo ore 14:00, corsa successiva ore 15:45. Costa tanto rivedere l’orario di partenza delle ore 14:00?

E quando l’uscita dalla scuola é alle 15:50 (dovuta all’ingresso scaglionato alle 09:40) la coincidenza é alle 17:25. Ma stiamo scherzando ? Un ragazzo a 15 anni sta fuori casa dodici ore per andare a scuola? E’ una vergogna.

La DAD sembra diventata una cosa blasfema quando invece in molti casi sarebbe la soluzione migliore per colmare temporaneamente e nell’emergenza le inefficienze organizzative in attesa che vengano risolte.

Spero – conclude – che oltre alla mia si inizino a levare voci di protesta perché queste situazioni non sono accettabili, e quello raccontato non é purtroppo un caso isolato”.