Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Autostrade, “no” all’aumento dei pedaggi sull’A24 e l’A25

Califano, Marocchi, Panci e Runieri: "Chiediamo al Governo l'immediato blocco dei pedaggi e un tavolo tecnico con 'Strada dei Parchi'"

L’aumento dei pedaggi su A24 e A25 è improponibile. Non si può pensare di far ricadere su famiglie e lavoratori, già fiaccati da una crisi economica importante, i costi di ammodernamento dell’autostrada. Parliamo, peraltro, di tariffe già molto elevate, più volte ritoccate in questi ultimi anni, che non hanno alcun fondamento. Soprattutto oggi con l’Italia che tenta di rialzarsi”.

Lo dichiarano la consigliera regionale e vicepresidente della XII commissione Michela Califano e i sindaci di Arcinazzo Romano, Luca Marocchi, di Cerreto Laziale, Gina Panci e di Rocca Santo Stefano, Sandro Runieri a margine della manifestazione che si sta tenendo nel piazzale antistante il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

L’ennesimo aumento della tratta – spiegano – avrebbe conseguenze nefaste su migliaia di cittadini che non hanno nemmeno un’alternativa su ‘ferro’. Una imposizione bella e buona da parte dell’ente. Chiediamo quindi al Governo l’immediato blocco dei pedaggi e un tavolo tecnico con ‘Strada dei Parchi’ per ridefinire i criteri di gestione di un’arteria centrale per il sistema di mobilità di Lazio e Abruzzo“.

FdI Lazio: “Il Governo dia risposte chiare ai territori e alle amministrazioni locali”

“La questione degli aumenti dei pedaggi dell’A24 e A25, che potrebbero scattare da gennaio prossimo ( tra poco più di un mese), va affrontata immediatamente, senza ulteriori perdite di tempo. I possibili incrementi, di circa il 34%, sarebbero incomprensibili“. Lo dichiarano in una nota i consiglieri di Fratelli d’Italia della regione Lazio

“Chiediamo – si legge nella nota – che il Governo dia risposte chiare e definitive ai territori e alle amministrazioni locali, che da tempo stanno cercando in tutti i modi di tenere alta l’attenzione su questa realtà. Noi riteniamo che l’argomento sia serio e molto sentito da tantissimi cittadini e pendolari. Per questo, come gruppo consiliare di Fdi, oggi abbiamo partecipato alla manifestazione sotto al Ministero, rinnovando il nostro sostegno ai sindaci e ai numerosi amministratori locali, di Lazio e Abruzzo, che stanno portando avanti una battaglia, al fine di scongiurare il rischio di aumenti del pedaggio autostradale”.
Il Faro online – Clicca qui per leggere le notizie della Regione Lazio